carbonara day 2021
Food,  Lifestyle

Carbonara Day 2021, la spaghettata social più grande del mondo

Il 6 aprile ricorre il Carbonara Day per celebrare il piatto romano più amato al mondo

 

Tutti in rete per la spaghettata social: cosi si festeggia  – in pandemia – il Carbonara Day 2021. Il piatto romano che tanto unisce ma anche tanto divide. Sinonimo di convivialità, il suo gusto mette tutti d’accordo. Ma appena si tocca il procedimento scoppiano le discussioni. Ci indigniamo, e non poco, quando all’estero osano proporre versioni sui generis, come se mettessero in dubbio la nostra stessa identità.

 

Carbonara Day 2021, la spaghettata social più grande del mondo
Sinonimo di convivialità, il suo gusto mette tutti d’accordo. Ma appena si tocca il procedimento scoppiano le discussioni

 

Scandalo!

Forse ricorderete che  tra i primi grandi scandali sulla carbonara c’è quello che risale al 2006, quando l’attore Tom Cruise, che si vanta di preparare una carbonara superlativa, dà la sua ricetta durante la trasmissione della star tv americana Oprah Winfrey (è ancora visibile sul sito dell’opinion maker).  Peccato che si parta da un soffritto iniziale di una cipolla e due spicchi d’aglio – Orrore!

Per non parlare del fatidico Carbonara-gate, nel 2016. Sul sito francese Demotivateur appare la ricetta one-pot pasta. Pancetta, pasta formato farfalle, acqua e cipolla affettata, vengono cotti tutti insieme in pentola, poi mantecati con panna e infine guarniti con tuorlo crudo e prezzemolo. E la rivolta in difesa della verità non si è fatta attendere. Tra chi notava che le farfalle non sono il formato giusto, chi tuonava contro l’uso della pancetta che peraltro veniva di fatto lessata, chi lanciava anatemi contro l’utilizzo della  panna. Su Le Parisien un titolo sottolineava i rapporti diplomatici in bilico tra Francia e Italia.

 

Carbonara Day 2021, la spaghettata social più grande del mondo
Tom Cruise spiega la sua “orribile” carbonara alla trasmissione di Oprah Winfrey

 

Le origini della ricetta

L’ipotesi della sua origine – molto plausibile anche per gli storici –  è da poco stata raccontata in un cortometraggio girato dalla Barilla proprio per il Carbonara Day 2021, in cui in una Roma da poco liberata, a un soldato americano – interpretato da Yonv Joseph – viene dato il compito di organizzare un pasto che sollevi il morale della truppa. È una vera e propria mission quasi impossible, ma grazie all’aiuto del giovane cuoco  Claudio Santamaria vedranno la luce gli spaghetti alla carbonara, piatto ponte tra due popoli che si incontrano in un abbraccio di gusto.

 

Carbonara Day 2021, la spaghettata social più grande del mondo
È una vera e propria mission quasi impossible, ma grazie all’aiuto del giovane cuoco  Claudio Santamaria  vedranno la luce gli spaghetti alla carbonara

 

La VERA ricetta

Il tema del CarbonaraDay 2021 è My Carbonara cioè l’affermazione di una via di mezzo tra gli iper puristi (che ammettono solo pasta, guanciale, pecorino, uovo, pepe) e gli innovatori (per i quali non devono esserci limiti alle reinterpretazioni di una ricetta): non esiste la carbonara perfetta, ma quella “perfetta per me”, #MyCarbonara, appunto. A patto, s’intende, che il tocco dell’autore rispetti lo spirito della ricetta originale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Andrea Marsicano (@cucinandomelagodo)

Noi siamo puristi e vi proponiamo di seguire quanto spiega il Campione di carbonara Luciano Monosilio.

“Nella Carbonara l’uovo dà cremosità e umami, il guanciale croccantezza, grasso e “concia”, il formaggio la sapidità, il pepe la nota speziata. E la pasta accompagna questo gioco di contrasti dando profondità e lunghezza a questi sapori. Anche il minimo intervento può cambiare il risultato finale. Il guanciale tagliato a strisce sottili è più croccante e sapido rispetto a quello a dadini, che invece è più morbido e importante nella masticazione. Fondamentale è la percentuale di grasso, l’anima della carbonara, perché se ben cotto e rosolato le dona un sapore incisivo. Per quanto riguarda il formaggio, il pecorino in purezza è più sapido, mentre un mix di cacio di pecora e vaccino rende il piatto più avvolgente e morbido, adatto a più palati. Per l’uovo, la salsa deve essere cremosa e non liquida: la proporzione giusta per quattro commensali è di tre tuorli e un uovo intero. Il pepe nero dona più profumo alla crema rispetto a quello bianco.

E arriviamo alla pasta: spaghetti, rigatoni o mezze maniche sono ben accetti, seppur con risultati diversi. Nel caso degli spaghetti, il condimento li avvolge quasi come fossero una pasta all’uovo, mentre la pasta corta riesce a “catturare” condimento e guanciale che, in questo caso, diventa parte integrante del piatto mentre negli spaghetti fa quasi da contorno”.

 

Leggi anche: VOLEMOSE BENE; L’OSTARIA ROMANA A MILANO

“Per un pugno di dollari”;, la nascita dello spaghetti western

 

Se hai curiosità, suggerimenti o consigli, contatta la nostra redazione: info@mam-e.it

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *