marco bollesan
sport

Marco Bollesan: morto uno dei simboli del rubgy italiano

Dopo Cuttitta, altro grave lutto nel mondo del rugby: Marco Bollesan se ne va a 79 anni

Rugby – Dopo la morte per covid di Massimo Cuttitta, il rugby italiano piange anche la leggenda Marco Bollesan, unico rugbista capace di guadagnarsi un posto nella Walk of Fame che attraversa il Parco del Foro Italico. Avrebbe compiuto 80 anni a luglio.

Il rugby italiano ha perso uno dei suoi figli prediletti. Per i rugbisti della mia generazione, per chiunque abbia praticato lo sport tra gli Anni ’60 e gli Anni ’80, ma anche per chi è venuto dopo Marco Bollesan è stato un esempio, l’epitome del rugbista coraggioso, il simbolo di un gioco dove fango, sudore e sangue rappresentavano i migliori titoli onorifici“, le parole di Marzio Innocenti, presidente federale della Federazione Italiana di Rugby

marco bollesan
Marco Bollesan

Marco Bollesan, chi era la leggenda del rugby italiano

Nato a Chioggia ma cresciuto a Genova, Marco Bollesan era conosciuto da tutti non soltanto per le sue gesta in campo, ma anche per aver portato il rugby ad alti livelli, contribuendo in prima persona allo sviluppo di questo sport. Ha iniziato la sua carriera nel Cus Genova ed ha debuttato in Nazionale nel 1963, dove è rimasto fino al 1974. Su 47 presenze in maglia azzurra, ben trentaquattro sono le partite che lo hanno visto capitano. Con lui, la Nazionale Italiana di Rugby è riuscita per la prima volta a vincere la Coppa del Mondo nel 1987. Grande traguardo che gli ha permesso di diventare team manager della squadra azzurra al Sei Nazioni. Nel 1981 appese definitivamente gli scarpini al chiodo, ma continuò la sua carriera nel rugby come allenatore. Insieme a Maus Cuttitta, portò l’Amatori Rugby Alghero alla storica promozione in A1 nella stagione 2001-2002.

Bollesan: la lunga malattia e il posto nella Walk of Fame

Proprio a poche ore di distanza dalla perdita di Cuttitta, l’Italia perde un altro mito della palla ovale italiana: Marco Bollesan ci lascia a 79 anni dopo una lunga malattia che gli aveva portato via la memoria. Le sue gesta rimarranno però nelle menti di tutti, grazie anche al CONI, che gli ha dedicato un posto nella Walk of Fame a Roma.

 

Leggi anche:

Massimo Cuttitta morto per Covid: il rugby piange l’ex capitano azzurro

Playoff Eurolega 2021: date, calendario, programma, orari tv e streaming

F1, GP Imola Emilia-Romagna 2021 quando? Calendario, programma, orari tv e streaming

Se hai curiosità, consigli o vuoi saperne di più, contatta la nostra redazione: info@mam-e.it

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *