figc
sport

FIGC – Quando nasce il gioco del calcio in Italia? Ecco la storia.

16 marzo 1898: A Torino nasce la FIGC, la Federazione Italiana Giuoco Calcio.

Il 16 marzo del 1898 nasceva a Torino quello che oggi è il massimo organo del calcio in Italia, la FIGC (Federazione Italiana Giuoco Calcio). Una grande storia che da più di 120 anni si dimostra simbolo della famiglia del calcio italiano.

La storia della Federcalcio italiana: da Torino a Roma

Il 16 marzo 1898Torino si decise di creare un organo di controllo ufficiale per tutte le partite disputate in Italia: nasceva così la FIF (Federazione Italiana Football). Questa denominazione rimase per i primi suoi 11 anni di vita, per poi trasformarsi, come la conosciamo oggi, in FIGC o Federcalcio. Inizialmente furono cinque le società che vi aderirono: Genoa Cricket and Athletic Club, il Football Club Torinese, l’Internazionale Torino, la Reale Società Ginnastica Torino e Unione Pro Sport Alessandria. Il primo presidente del calcio italiano fu l’ingegnere Mario Vicary. A pochi mesi dalla nascita della FIF, si giocò in una sola giornata a Torino il primo campionato di calcio italiano. Il vincitore fu il Genoa Cricket and Athletic Club. Successivamente, il calcio iniziò a diventare uno sport popolare e nel 1905 la Federazione Italiana entrò a far parte della FIFA (Federazione Internazionale delle Confederazioni Calcistiche).

figc
Federazione Italiana Giuoco Calcio

Nel 1909 venne eletto presidente Luigi Bosisio, il quale portò un‘importante rivoluzione: fu colui che propose di sostituire il termine “fooball” con “calcio”. La Nazionale Italiana esordì il 15 maggio del 1910, vincendo 6-2 contro la Francia. Più tardi, divennero sempre più numerose le richieste di iscrizione al campionato. Nel 1929 venne creata la Serie A. Dal 1968, il calcio italiano tornò ad essere protagonista anche in campo internazionale: Italia Campione d’Europa e vice-campione del mondo in Messico (1970). Tra i vari presidenti che si sono susseguiti nel corso della storia della Federazione, un’importanza fondamentale è stata quella avuta da Artemio Franchi (presidente dal 1967 al 1976), che diede vita al Centro Tecnico Federale di Coverciano.

Gli anni ’90 e lo scandalo Calciopoli

Il calcio italiano si trasformò negli anni ’90 con l’introduzione dei diritti televisivi, la riforma delle competizioni internazionali per club (nascita della Champions League, eliminazione Coppa delle Coppe), la legge Bosman e la cancellazione del limite massimo di tesseramenti ai calciatori stranieri, ad eccezione degli extracomunitari. Inoltre, l’estate del 2006, nonostante la vittoria dell’Italia ai mondiali di calcio in Germania, rappresentò uno dei periodi più difficili per il calcio italiano.

figc
L’Italia alza la Coppa del Mondo, Germania 2006

Oggi la Federcalcio Italiana ha varie funzioni: dall’organizzazione delle attività della Nazionale di Calcio Italiana alle formazioni giovanili e i campionati professionistici. La sede attuale è a Roma, mentre il centro tecnico della Nazionale è in Toscana, più precisamente a Coverciano.

La FIGC oggi: un’attività sportiva vastissima

La Federcalcio è oggigiorno un punto di riferimento per tutte le manifestazioni relative al gioco del calcio (competizioni a 11, 7 o 5 giocatori). Con più di 17.000 campi situati in tutto il territorio italiano, la FIGC rappresenta un simbolo di un’ampia attività sportiva riconosciuta non solo in Italia, ma anche all’estero.

Siamo il pallone che rotola. Siamo le luci della vittoria e l’ombra della sconfitta. Siamo il calcio d’inizio e il fischio che segna la fine. Siamo le regole che fanno tutti uguali. Siamo i giocatori che fanno la squadra. Siamo i 90 minuti che finiscono troppo presto, o non finiscono mai. Siamo il calcio che unisce, quello vero, quello che si gioca. Siamo il Calcio, da 120 anni”.

Questo è il messaggio che la Federcalcio ha voluto dare di sé nell’anniversario dei suoi 120 anni. Più di cent’anni che hanno fatto appassionare e sognare miliardi di persone, contribuendo anche a consolidare il sentimento di unità dell’Italia.

LEGGI ANCHE:

Giorgio Muggiani, il grafico che disegnò lo stemma dell’Inter

2 marzo 1951, il primo All-Star Game nella storia della NBA

Mauro Bellugi muore a 71 anni. Se ne va un grande uomo

Se hai curiosità, consigli o vuoi saperne di più, contatta la nostra redazione: info@mam-e.it

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *