Amicizia tra Mancini e Vialli: i Gemelli del Gol

Amicizia tra Mancini e Vialli: i Gemelli del Gol

L’amicizia tra Mancini e Vialli: i “Gemelli del Gol”

L’amicizia tra Mancini e Vialli. Questa è la storia di due campioni e un’amicizia forte e pulita, rinsaldata dal nuovo ruolo di Vialli che, dal 2019, è capo Delegazione della Nazionale azzurra guidata dal c.t. Roberto Mancini. Un legame che da sempre unisce i due ragazzi del 1964, divisi da pochi mesi di distanza (il 9 luglio è nato Vialli, il 27 novembre Mancini).

 

Amicizia tra Mancini e Vialli
Amicizia tra Mancini e Vialli: i due conquistarono lo storico scudetto per la Sampdoria nella stagione 1990-1991

I “Gemelli del Gol”

Luca Vialli nasce ricco, figlio di un proprietario terriero di Cremona; Roberto Mancini cresce in una famiglia modesta, a Jesi, figlio di un falegname e di un’infermiera. Due personaggi agli antipodi che, però, hanno molto in comune: entrambi col pallone compongono poesie, entrambi scriveranno la storia con la Sampdoria. Tra gli anni ’80- ’90, Vialli e Mancini erano i «Gemelli del Gol», i due esponenti più luminosi della gioventù calcistica italiana. Giocano in una piccola squadra che cerca di contrastare lo strapotere delle big di Serie A, quella Sampdoria che nel 1991 vince uno storico scudetto: una squadra leggera, bella da vedere e che appassiona. Roberto e Luca sono i due talenti che guideranno il club blucerchiato con genio e tecnica, potenza e fantasia.

La chiamano «Sampdoro»: Mancini dipinge, Vialli segna. I due sono inseparabili anche fuori dal campo, esaltati dallo storico allenatore Vujadin Boskov, saggio, ed abile nel capire il vero potenziale dei due concedendo loro libertà di esprimersi. Sono anni di scherzi (Vialli ne è maestro) e notti finiscono all’alba, Genova è il loro regno. Insieme convinceranno molti compagni a rimanere alla Samp, nonostante ci sia tutta la Serie A alla porta. Ma nella loro amicizia capitano anche momenti di crisi: un banale litigio sul campo si trasforma in un prolungato e immusonito silenzio che dure per un paio di settimane con Boskov che infine interviene. L’incidente si chiude con un fraterno abbraccio al cospetto dei compagni di squadra.

Roberto resta sotto la Lanterna quindici anni (dal 1982 al 1997) prima di chiudere la carriera con la Lazio. Luca resterà alla Sampdoria otto anni (dal 1984 al 1992) poi andrà alla Juventus.

L’amicizia tra Mancini e Vialli: i due condottieri della nostra Nazionale di calcio, oltre la malattia

I due oggi si ritrovano in Azzurro. Luca Vialli è a capo della Delegazione della Nazionale azzurra, dopo essere riuscito a sconfiggere un tremendo cancro al pancreas: un calvario lungo quasi due anni che aveva cambiato la sua vita e scosso il mondo del calcio. Ma ora il peggio è passato: già a dicembre 2019 si sono conclusi 17 mesi di chemioterapia, un ciclo da 8 e un altro da 9 mesi. Una sfida durissima dal punto di vista fisico e mentale, anche se gli ultimi esami non hanno evidenziato segni negativi nella risposta del suo corpo. La strada verso la completa guarigione è lunga, ma nessuna sfida è troppo grande per il bomber di Cremona.

È bello pensare che Luca Vialli – in un momento così delicato della propria esistenza – si senta più forte anche grazie alla vicinanza del suo amico Mancini. Roberto e Luca, Luca e Roberto: i Gemelli del Gol, fratelli d’Italia!

Amicizia tra Mancini e Vialli
Vialli e Mancini: Fratelli d’Italia!

Segui con noi il mondo dello sport. LEGGI ANCHE:

Bosnia-Italia partita stasera: tutto quello che c’è da sapere

Tyson torna sul ring sabato 28 Novembre

Hamilton nuovo Re della F1: come lui solo Schumacher

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

0Shares
Redazione MAM-E
Articoli dell'Autore / Redazione MAM-E

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>