ali mohamed nascita
sport

Ali Mohamed nascita: Mam-e.it sport racconta la leggenda

Ali Mohamed nascita: Mam-e.it sport racconta la leggenda

Ali Mohamed nascita. In occasione di quello che sarebbe stato il suo 79esimo compleanno Mam-e.it racconta una delle figure centrali del XX secolo, non solo sportivo. Nato il 17 gennaio 1942, morto il 3 giugno 2016, Muhammad Ali (al secolo Cassius Clay) è punto di riferimento per intere comunità grazie al messaggio di uguaglianza fraterna. Tanto leggiardo quanto mortale, “fly like a butterfly sting like a bee“.

Ali Mohamed nascita: la storia di un’icona

Quando si pensa alla boxe, il suo nome è il primo che viene in mente anche a chi non conosce a fondo lo sport, del resto si parla del miglior peso massimo della storia. Muhammad Ali, figura tanto carismatica quanto eclettica, capace di polarizzare intorno a sé l’attenzione mediatica come fanno i migliori e, proprio come i migliori, la sua figura generava una profonda dicotomia. O lo si amava, o lo si odiava. Oggigiorno, però, il suo valore è indiscusso: nominato “sportivo del secolo” da Sports Illustrated e dalla BBC, Cassius Clay fu The greatest.

Nato a Louisville nel 1942, vinse l’oro olimpico ai Giochi di Roma del 1960 e nel 1964, a soli 22 anni, conquistò il titolo mondiale dei pesi massimi a sorpresa contro Sonny Liston. Campione indiscusso della divisione per tre anni, detentore del record premi “Pugile dell’anno” (6 in totale). Ma di Ali, oltre che dei successi nel ring, bisogna analizzare i successi mediatici.

Successi mediatici

Cominciamo dal Rumble in The Jungle, uno dei match più visti nella storia di questo sport, disputato il 30 ottobre 1974, nello Zaire (oggi Congo). L’allora campione del mondo dei massimi George Foreman affronta il precedente campione, Ali appunto, che cercava di riottenere il titolo dopo sette anni. E ci riuscì, diventando uno dei primi a riuscire nell’impresa. Considerato uno dei massimi momenti sportivi, tanto per il contorno quanto per il match in sé: Ali era stato sospeso dal ring nel 1967, scontando tre anni e mezzo di squalifica, a causa del suo rifiuto di arruolarsi nell’esercito e per le sue critiche verso la Guerra del Vietnam. L’incontro cominciò alle 4 di mattina per poter essere trasmesso in diretta in Usa con Foreman dato favorito. Ma la storia fu diversa.

Il secondo punto forte di Ali fu sicuramente la sua abilità nel trash-talking. In un’epoca in cui era tutto sotto la mano pressante dei manager (dall’organizzazione di incontri, ai contratti di sponsorizzazione, fino alle interviste), The Greatest prese il controllo di numerose conferenze stampa, parlando liberamente anche di problemi oltre il pugilato. Un innovatore che trasformò l’immagine del pugile afroamericano negli Stati Uniti, con una doppia vittoria: diventare punto di riferimento del Potere nero e sconfiggere gli avversari già dalle interviste.

ali

La sua importanza oltre il quadrato del ring

Cassius Clay, questo il primo nome del campione che successivamente, unendosi alla setta afroamericana Nation of Islam, cambiò legalmente il suo nome in Muhammad Ali. Ma inizialmente le sue idee furono estremiste: in favore del concetto di separatismo nero, fu influenzato dal suo mentore politico Malcolm X. Idee magari influenzate da una “violenza al contrario” (inutile dire che il razzismo ai tempi in Usa era una piaga sociale), ma pur sempre forti. Più tardi aderì al sunnismo sostenendo l’idea di integrazione razziale.

ali mohamed

Nel 1967, tre anni dopo la conquista del campionato mondiale, Ali si rifiutò di combattere nella Guerra del Vietnam per via della sua religione e della sua opposizione al conflitto. Per questo, fu arrestato e privato del titolo. Non combatté per i successivi tre anni. L’appello di Ali arrivò sino alla Corte suprema degli Stati Uniti d’America, che annullò la sua condanna nel 1971. E proprio questa sua battaglia come obiettore di coscienza lo rese un’icona nella controcultura degli anni sessanta. Un’icona, oltre lo sport: this was the greatest.

 

LEGGI ANCHE:

Mayweather vs McGregor: l’indimenticabile match del 2017

Biografia Mike Tyson: una vita oltre i limiti 

Floyd Mayweather vs Logan Paul: dove e quando vedere il match

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *