,

Venezia 77, Tilda Swinton e Ann Hui premiate con il Leone D’oro alla carriera

Venezia 77, Tilda Swinton e Ann Hui premiate con il Leone D’oro alla carriera

L’edizione al femminile della 77esima Mostra del Cinema di Venezia: Tilda Swinton e Ann Hui premiate con il Leone D’oro alla carriera

L’edizione 77 del Festival del Cinema di Venezia si appresta a essere un’edizione tutta al femminile: da Cate Blanchett come Presidente della Giuria ad Anna Foglietta come madrina della kermesse. La Biennale, inoltre, ha annunciato di voler insignire con il Leone d’oro alla carriera la camaleontica attrice inglese Tilda Swinton e la regista cinese Ann Hui.

Il Leone D’oro all’attrice Tilda Swinton

Alberto Barbera, direttore artistico della mostra del Cinema dichiara su Tilda Swinton che “è unanimemente riconosciuta come una delle interpreti più originali ed intense affermatesi sul finire del secolo scorso. La sua unicità riposa su una personalità esigente ed eccentrica. Ha una versatilità fuori del comune e la capacità di passare dal cinema d’autore più radicale a grandi produzioni hollywoodiane, senza mai rinunciare al proprio inesausto bisogno di dar vita a personaggi inclassificabili.”  Continua Barbera “Ha lavorato con alcuni dei maggiori registi contemporanei, ma è soprattutto fedele ad alcuni autori, di cui è stata una musa più che una semplice attrice prediletta”.

Effettivamente come si fa a non essere attratti dalla bellezza efebica dell’attrice, memorabile nelle sue interpretazioni. Oltretutto, è indimenticabile il sodalizio tra lei e il regista Derek Jarman, per il quale ha interpretato una faraonica Madonna bucolica in The Garden. Altro sodalizio importante è quello tra lei e il regista italiano Luca Guadagnino.

Porto nel cuore questo grande festival da tre decenni – ha commentato invece Tilda Swinton -. E’ con grande umiltà che ricevo questo riconoscimento. Sarà per me una vera gioia venire a Venezia, soprattutto quest’anno, per celebrare l’immortale arte del cinema e la sua ribelle capacità di sopravvivenza di fronte a tutte le sfide che il cambiamento può porre a noi tutti“.

Tilda Swinton venezia
Tilda Swinton

Il Leone D’oro alla regista cinese Ann Hui

Anche per la regista cinese, Barbera ha speso parole di stima dichiarando “Ann Hui è una delle registe più apprezzate, prolifiche e versatili del continente asiatico, la cui carriera copre quattro decenni e attraversa tutti i generi cinematografici. Ha diretto film di generi molto diversi”. Il direttore della kermesse ha aggiunto anche che la Huiè stata anche uno dei primi registi della scena hongkonghese a unire materiale documentario al cinema di finzione. Pur prestando attenzione anche all’aspetto commerciale del cinema e riuscendo a riscuotere ampio successo di pubblico, il cinema di Ann Hui non ha mai abbandonato la prospettiva autoriale. Nel suo cinema ha sempre mostrato particolare interesse per le vicende umane e sociali, raccontando con sensibilità ma anche con la raffinatezza dell’intellettuale, storie individuali che intrecciano temi sociali importanti quali quelli dei rifugiati, degli emarginati e degli anziani.”

La risposta della regista non si è fatta attendere “Sono davvero felice di ricevere questa notizia e sono onorata per il premio! Sono così felice che non riesco a trovare le parole. Spero solo che nel mondo tutto volga presto per il meglio e che ognuno possa sentirsi di nuovo felice come io mi sento in questo momento“.

Tilda swinton venezia
Ann Hui

CONSIGLI CINEFILI SU TILDA SWINTON E ANN HUI

Per chi volesse conoscere meglio queste due artiste del cinema o ripercorrere la loro carriera, ci sono alcuni film che non possono essere tralasciati. Edoardo II per la SwintonA simple life per Ann Hui. In Edoardo II (1991) Tilda Swinton viene diretta da Derek Jarman, lo stesso regista con cui l’attrice ha debuttato in CaravaggioEdoardo II è il capolavoro di Jarman in cui la Swinton interpreta Isabella. È un film diverso dal solito testo legato al teatro: a basso budget, con musiche elettroniche, essenziale. In questo contento, l’essere camaleontico della Swinton è al massimo della sua potenza. Si sposta dal mood scherzoso a quello orrorifico in sintonia con gli altri personaggi e attori del film.

A simple life è un film del 2011 diretto da Ann Hui, il suo lavoro più popolare, tratto da una storia vera e che unisce in sé due generazioni. Questo film è il coronamento del percorso della regista, che ha sempre evidenziato le storture della società. Quello che colpisce del racconto è la sua compostezza, la sua grande lezione di leggerezza e di unione che coinvolge un’anziana domestica e il suo padrone, un attore di successo. A simple life è un film sui legami familiari che vanno ben oltre il sangue. Un film che crea subito empatia con lo spettatore.

LEGGI ANCHE:

Ascolti TV 20 luglio: il giovane Montalbano sbaraglia la concorrenza e doppia Canale5

Sorelle: prima puntata stasera, 21 luglio, su Rai1-trama e anticipazioni

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Dario Conti
Articoli dell'Autore / Dario Conti

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>