Cinema,  Spettacolo

VANESSA REDGRAVE: GLI 80 ANNI DELLA REGINA DI GHIACCIO DI HOLLYWOOD

Una leggenda lunga 80 anni: Vanessa Redgrave ha vissuto una carriera all’insegna della sfida ai generi e agli stereotipi codificati di attrice e donna

Un carriera sfolgorate, contraddittoria, all’insegna della sperimentazione più ardita e della costante messa alla prova di sé e delle proprie abilità, senza compromessi di sorta. Vanessa Redgrave, nata a Londra il 30 gennaio di 80 anni fa, ha esordito nella sua carriera come altri grandi colleghi del presente e del passato, come Laurence Oliver e Ian McKellen, partendo da Shakespeare, grazie anche all’ispirazione del padre Michael, con il quale esordì nel 1958 interpretando in ‘Un colpo di sole’. A ventiquattro anni uno dei suoi primi successi, a Stratford, nelle vesti di Rosalinda in ‘Come vi piace’ per la regia di M. Elliot. Nel 1964 è Nina ne ‘Il Gabbiano’ di Cechov, diretta dal marito T. Richardson che la segue anche nel dramma di Ibsen ‘La donna del mare’.

Vanessa Redgrave ha avuto un grande rapporto con il cinema italiano e i suoi maggiori registi: introdotta dal compagno di allora, Franco Nero, si è distinta, dopo i primi due film legati alla controcultura hippie (‘Morgan matto da legare’ e ‘Un uomo per tutte le stagioni’, proprio grazie al capolavoro di Michelangelo Antonioni, ‘Blow up‘. Grazie a questa ‘carta d’ingresso’, l’attrice inglese ha recitato in altri grandi e poco convenzionali film italiani come ‘Un tranquillo posto di campagna‘ di Elio Petri, ‘Dropout’ e ‘La Vacanza‘ di Tinto Brass, in cui ha messo in mostra, oltre alle sue magnifiche abilità attoriali, il proprio fisico snello e longilineo. Non poteva mancare nella sua carriera un ruolo in un film del Tinto Brass inglese, lo stravagante e barocco Ken Russell, che la volle nella sua opera più scandalosa e ultracensurata: ‘I Diavoli’, in cui interpretò la suora ossessa ‘Jeanne degli Angeli’. Forse la fortuna principale della Redgrave è stata questa: conoscere gli artisti giusti nel momento giusto senza mai perdere il coraggio e il senso della sfida per ruoli ambigui e difficili. Fortuna audaces iuvat: una massima che potrebbe incorniciare e rappresentare al meglio la sua lunga carriera: anche se molti dei suoi film risultano, ad oggi, invecchiati male, sono tuttavia impreziositi dalla sua malia e dalla sua inventiva attoriale.

Anche grazie a questo il suo impegno nel mondo del cinema e (sopratutto ultimamente) in quello della tv, non ha mai avuto brusche interruzioni o periodi di latenza: negli ultimi anni la Redgrave ha girato 18 film, tornando all’amato Shakespeare (nel film ‘Coriolanus’ di Ralph Fiennes, mentre le sue ultime, superbe, interpretazioni, sono nei film ‘Foxcatcher‘, in cui interpreta con sadismo e perversità la madre del miliardario John Du Pont, e ‘The Secret Scripture‘, nel ruolo di un’anziana paziente psichiatrica dal passato sconvolgente.  

La voce del nostro Dizionario del Cinema dedicata a Vanessa Redgrave

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!