,

WandaVision: cosa c’è da sapere sulla serie Marvel di Disney+

WandaVision: cosa c’è da sapere sulla serie Marvel di Disney+

WandaVision, la nuova serie Marvel, arriva su Disney+. Ecco tutto quello che devi sapere prima di cominciare a guardarla

Debutta oggi, 15 gennaio, su Disney+ WandaVision, la prima serie tv prodotta dalla Marvel composta da 9 episodi in uscita a cadenza settimanale. La storia gira attorno a Wanda Maximoff e Visione e si tratta di un vero e proprio omaggio al mondo delle sitcom americane dagli anni Cinquanta ad oggi. Ma non tutto è come sempre, e ben presto la loro vita perfetta si rivela solo un’illusione. Ecco tutto quello che devi sapere su WandaVision prima di guardarla.

Trama e trailer

Di WandaVision si sa ben poco fin’ora. Dai trailer diffusi e le informazioni rilasciati infatti non ci sono abbastanza informazioni per farsi un’idea certa della trama. La storia parte dopo gli avvenimenti del film Avengers: Endgame (2019) e già questo pone un grosso punto di domanda. Com’è possibile che Wanda e Visione siano assieme, dopo che quest’ultimo è morto?

Visione è infatti un androide nato cattivo ma reso buono dall’intervento di Tony Stark e Bruce Banner. Tra lui e Wanda (Scarlet Witch) è nato l’amore, ma Thanos lo ha ucciso alla fine di Avengers: Infinity War (2018). Com’è possibile quindi che sia ancora vivo? Secondo le indiscrezioni, Wanda si sarebbe sempre più chiusa in sé stessa a partire dalla tragica morte dell’amato, fino a creare un vero e proprio mondo parallelo per non affrontare il lutto. Un’altra ipotesi è che Doctor Strange sia intervenuto o che debba farlo in futuro.

Altre indiscrezioni vogliono invece che questo mondo idilliaco e perfetto sia stato creato dalla misteriosa Agnes. La donna avrebbe infatti offerto a Wanda di riportare in vita Visione e di creare una mini dimensione dove entrambi possono vivere assieme per quanto tempo desiderano. La coppia ha addirittura due figli, Wiccan e Speed, e sembrano condurre delle vite felici con Agnes come vicina di casa. Le stranezze sono molte, però, perché tutto accade ad una velocità disumana: la gravidanza di Wanda, ad esempio, dura un lampo. Un’ipotesi vuole che Agnes sia l’antagonista principale e che abbia quindi intenzione di rapire i figli della coppia, probabilmente dotati di superpoteri anch’essi.

WandaVision: quali personaggi incontreremo?

I protagonisti della serie sono Elizabeth Olsen e Paul Bettany, che avevano già interpretato i ruoli di Wanda Maximoff e Visione dei precedenti film del Marvel Cinematic Universe. Troveremo poi altri personaggi già apparsi sul grande schermo. Prima fra tutti, Monica Rambeau, apparsa in Captain Marvel (2019), amica e alleata di Carol Danvers, qui alla sua prima apparizione adulta. Qui sarà interpretata da Teyonah Parris, che vestirà i suoi panni anche nel secondo capitolo dedicato alla supereroina. Nei fumetti, Monica ha il potere di trasformarsi in ogni forma di energia dello spettro elettromagnetico e sarà la seconda Captain Marvel.

wandavision
Una locandina della serie

Ci saranno altri due personaggi già noti dell’MCU: Jimmy Woo (Randall Park), un agente dell’FBI apparso in Ant-Man and the Wasp, e Darcy Lewis (Kat Dennings), scienziata che ha aiutato Thor a salvare il mondo (Thor e Thor: The Dark World). Vi saranno inoltre dei personaggi originali. Oltre alla già citata Agnes (Kathryn Hahn), gli altri vicini di Wanda e Visione saranno Arthur Heart (Fred Melamed) e sua moglie (Debra Jo Rupp). Nel cast sono nominati anche Jolene Purdy, Asif Ali e Emma Caulfield, ma i ruoli non sono ancora definiti. Oltretutto, stando alle rivelazioni di Paul Bettany, ci sarà un importante attore la cui apparizione sarà una sorpresa.

Molto più che semplici supereroi

Nonostante le poche informazioni rese pubbliche, si sa comunque che sarà una serie che tratta di dolore, della perdita e di come le diverse persone reagiscono. Per Paul Bettany questo tema è il vero cuore pulsante dell’intera serie. In un’intervista ha infatti affermato che “il dolore e la perdita sono qualcosa di estremamente personali, ma in realtà è qualcosa che vivono tutti. Abbiamo tutti diverse reazioni e alcune possono essere molto estreme. Normalizzare questo, e renderlo accettabile, ammettendo di vivere un grande dolore, e di poter avere un disturbo mentale proprio in conseguenza di quella perdita, è davvero importante, ed è il cuore di WandaVision”.

Anche Elizabeth Olsen ha voluto sottolineare l’aspetto umano della serie. L’ha descritta come un romanzo di formazione poiché Wanda lavora su quella donna che ha sempre voluto essere. Teyonah Parris ha inoltre voluto sottolineare come il motivo che l’ha portata ad accettare il ruolo è stato proprio il modo in cui il dolore, la perdita e l’amore sono stati affrontati.

Una lettera d’amore per la storia della televisione

L’elemento forse più caratteristico e che permetterà alla serie di guadagnare diversi fan al di fuori degli affezionati al mondo della Marvel, è proprio il riferimento alla storia televisiva americana. WandaVision sembra infatti una vera e propria lettera d’amore a tutte le sitcom che hanno fatto la storia. Già la struttura degli episodi richiama questo genere: la lunghezza si aggira infatti attorno ai 30 minuti e, dai trailer, l’ambientazione sembra essere statica. Nei trailer, inoltre, si possono già notare riferimenti a classici come The Dick Van Dyke Show, Strega per amore, Vita da strega, Lucy e io, Io e i miei tre figli, Papà ha ragione, Ai confini della realtà. La produzione ha inoltre citato, come ispirazioni più moderne, Modern Family e The Office.

wandavision
Wanda e Visione in una scena

Per quanto riguarda i fumetti, Kevin Feige (produttore esecutivo) ha affermato che sono stati due la fonte di ispirazione, ma non ha detto quali. Probabilmente si tratta di House of M, crossover del 2005-2006, in cui Scarlet rimodernava la realtà per crearne una governata da Magneto (qui suo padre). Il secondo potrebbe essere Visione e Scarlet, del 1982-1983, in cui i due rinunciavano alla vita da supereroi a causa della gravidanza di Wanda. I gemelli Tommy e Billy si rivelarono però essere immaginari, creati dai poteri di Scarlet.

Marvel Cinematic Universe: al via la Fase 4

WandaVision sarà il primo prodotto della cosiddetta Fase 4 del Marvel Cinematic Universe, la prima ad includere serie tv. La fase conterrà diversi film molto attesi, come Black Widow, il sequel di Spider-Man: Far From Home, ancora senza titolo, Doctor Strange in the Multiverse of Madness, Thor: Love and Thunder e molti altri. Sono però forse le serie tv quelle più attese. Tra queste troveremo Loki, con Tom Hiddleston protagonista titolare, in cui il dio dell’inganno è catturato dall’organizzazione Time Variance Authority dopo aver rubato il Tesseract. Molto attesa anche The Falcon and the Winter Soldier, basata su Sam Wilson e Bucky Barnes che devono collaborare in un’avventura globale. E ancora What if…?, di cui si sa ben poco ma comunque capace di destare attenzione e curiosità poiché si basa sulla domanda e se questo evento fosse andato diversamente?

wandavision
Titoli annunciati della Fase 4 del Marvel Cinematic Universe

L’appuntamento è allora oggi, 15 gennaio, con i primi due episodi di WandaVision. I successivi saranno trasmessi a cadenza settimanale, arrivando quindi fino al 5 marzo.

 

Ricordiamo che la serie sarà disponibile sulla piattaforma streaming Disney+. All’interno, oltre a tutti i prodotti Marvel, troverete anche molti film e serie tv targate Disney, Pixar, Star Wars, i documentari di National Geographic e tantissimi contenuti originali. Clicca qui per scoprire i prezzi e le soluzioni di abbonamento.

 

Leggi anche:

Disney+ gennaio: dalla coppia Spencer-Hill a Wandavision

MUDEC – Disney “l’arte di raccontare le storie senza tempo”

Netflix gennaio: tante novità, da Ralph Phiennes a Cobra Kai 3

Amazon Prime Video gennaio: tutte le novità tra film e serie TV

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Valeria Lucia Muggiani
Meet the author / Valeria Lucia Muggiani

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>