jojo rabbit
Spettacolo,  TV

Jojo Rabbit, la fiaba contro il nazismo, questa sera su Sky

Jojo Rabbit, il film sul nazismo raccontato attraverso gli occhi di un bambino, va in onda stasera su Sky Cinema Collection. Dove e quando vederlo, trama, trailer e info

Va in onda questa sera su Sky Cinema Collection (canale 303) Jojo Rabbit, pellicola cinematografica del 2019 diretta da Taika Waititi. Il film, vincitore di un premio Oscar come Migliore Sceneggiatura Non Originale, parla di un bambino appartenente alla Hitlerjugend costretto a rivedere tutti i suoi ideali dopo aver scoperto che sua madre nasconde una ragazza ebrea in casa.

Jojo Rabbit: trama e trailer

Siamo nella Germania nazista del 1945. Johannes “Jojo” Betzler è un bambino di dieci anni che vive solo con la madre, Rosie. Jojo ha come amico immaginario una versione grottesca e infantile di Adolf Hitler: il bambino crede infatti fermamente nella dottrina nazista e Hitler stesso è il suo mito. Col suo migliore amico, Yorki, partecipa ad una riunione della Hitlerjugend guidata dal capitano Klenzendorf. Dopo un’umiliazione, lancia una Stielhandgranate 24 per dimostrarsi coraggioso, ma questa gli esplode sul piede e gli procura diverse ferite.

Quando si riprende, ormai sfigurato in volto, la madre lo porta da Klenzendorf per farlo sentire coinvolto. Jojo si occupa quindi della propaganda e della raccolta di cascame per la guerra. Un giorno, mentre è a casa da solo, scopre Elsa Korr, una vecchia compagna di classe ebrea di sua sorella, morta poco tempo prima. Impossibilitato a denunciarla alla Gestapo, Jojo decide di tacere solo se lei gli racconta tutti i segreti degli ebrei. Lei lo prende in giro, confermando alcuni miti che il bambino conosceva e inventandosene di altri.

Col tempo, però, i due legano molto, portando a sempre più frequenti litigi tra Jojo e il suo Adolf immaginario. Un giorno, mentre è a casa da solo, la Gestapo arriva per una perquisizione e Elsa riesce a non farsi scoprire fingendosi Inge, la sorella di Jojo. In centro scopre però che sua madre è stata impiccata perché oppositrice politica, quindi quando torna a casa cerca di pugnalare Elsa perché crede sia colpa sua. La guerra però è alle porte, in città stanno arrivando gli americani e i sovietici.

Jojo incontra quindi Yorki, che gli dice che Hitler si è suicidato. Gli americani catturano i tedeschi, tra cui Jojo e Klenzendorf. Il capitano gli dice che è dispiaciuto per la morte di Rosie, poi gli toglie la giacca da soldato tedesco e lo fa allontanare trattandolo come se fosse un ebreo. In questo modo gli salva la vita. Jojo torna quindi a casa, dove dice a Elsa che la Germania ha vinto perché non vuole rimanere solo. Le dichiara il suo amore per lei, ma Elsa gli dice che lo ama come un fratellino. Dopo aver calciato via l’amico immaginario, che tentava ancora di convincerlo a passare dalla parte dei nazisti, si convince ad uscire in strada con Elsa. La ragazza vede quindi gli americani e, dopo aver dato uno schiaffo a Jojo, si mette a ballare.

Cast e produzione

Il cast presenta nomi già conosciuti nel mondo del cinema affiancati ad esordienti di grande talento. Troviamo quindi;

jojo rabbit
La locandina di Jojo Rabbit

Il film è stato presentato in anteprima al Toronto International Film Festival del 2019, mentre la prima presentazione in Italia è avvenuta durante il Torino Film Festival 2019 per poi essere distribuito nelle sale cinematografiche nel gennaio 2020.

Critiche

Jojo Rabbit non ha ricevuto critiche univoche. In tanti gli hanno infatti criticato un’esagerata comicità che ha portato alla perdita del punto centrale. Il film è infatti tratto da un romanzo di Christine Leunens, Come semi d’autunno, che al contrario dell’opera di Waititi, è molto più dark e serio. Tra le differenze, si nota soprattutto l’assenza, nel libro, della figura gigionesca di Adolf Hitler. Per questi motivi in tanti hanno criticato la scelta di candidarlo a ben 6 categorie per gli Oscar, tra cui miglior film, migliore attrice non protagonista per Scarlett Johansson e miglior sceneggiatura non originale – quest’ultimo vinto. Pareri che ricordano molto le continue opinioni negative su La Vita è Bella di Roberto Benigni, anch’esso tacciato di una comicità definita fuori luogo.

jojo rabbit
Taika Waititi e Roman Griffin Davis in una scena del film

È vero che, a volte, la comicità di Waititi risulta forse esagerata e troppo clownesca, ma allo stesso tempo si tende a perdere di vista la chiave di lettura del film e il suo significato. Mentre sono tantissime le pellicole dedicate al periodo nazista con protagonisti ebrei, dentro a campi di concentramento oppure no, sono nettamente inferiori in quantità le opere che decidono invece di indagare la psicologia di chi sta dall’altra parte. E soprattutto, non di bambini che, nati e cresciuti col partito nazista al potere, non hanno conosciuto altro nella propria vita e sono stati indottrinati in un certo modo.

Si tratta in fin dei conti di un coming of age, di un ragazzino che vede crollare le proprie certezze come un castello di carte. La comicità, il surrealismo, e sì, anche l’infantilismo di numerose scene è dovuto proprio a questo: la storia è raccontata attraverso gli occhi di Jojo. E così anche il personaggio di Adolf Hitler, interpretato con grandissima verve comica da Taika stesso, assume tutt’altro carattere. Il modo di parlare, la gestualità, la caratterizzazione del personaggio esagerano infatti i tratti più distintivi del Führer per farli apparire grotteschi. Si crea quindi una satira memore de Il Grande Dittatore di Charlie Chaplin, solo che invece del meraviglioso e immortale discorso all’umanità, alla fine abbiamo Jojo e Elsa che ballano sulle note della versione tedesca di ‘Heroes’, Helden, di David Bowie.

Colonna sonora

A proposito della colonna sonora, è evidentemente completamente anacronistica. A parte i brani originali, scritti da Michael Giacchino, troviamo ad esempio Komm, Gib Mir Deine Hand, la versione tedesca di I Want to Hold Your Hand dei Beatles. Waititi ha spiegato questa scelta dicendo che, dopo aver visto diversi documentari sulla Hitlerjugend, ha notato delle somiglianze tra la folla durante i discorsi di Hitler e la frenesia tipica dei concerti dei Beatles.

 

Ricordiamo quindi che Jojo Rabbit verrà trasmesso questa sera, 25 gennaio, su Sky Cinema Collection (canale 303) alle ore 21.15. In alternativa, è disponibile al download su Sky On Demand.

 

Leggi anche:

27 gennaio: giorno della memoria. I libri da leggere e i film da guardare per non dimenticare

Film e programmi in tv stasera 25 gennaio: un lunedì in buona compagnia

Amazon Prime Video febbraio 2021: tutte le novità del mese

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *