Cinema,  Spettacolo

SORRENTINO RINUNCIA AL FILM SU BERLUSCONI

Il progetto sul biopic dedicato all’ex Presidente del Consiglio è diventato un progetto troppo complicato per Paolo Sorrentino

Reduce dal grande successo italiano ed internazionale di The Young Pope, il regista premio Oscar Paolo Sorrentino ha dichiarato di aver rinunciato al progetto di un film dedicato a Silvio Berlusconi. Il film, preannunciato dallo stesso regista in occasione della scorsa Mostra del Cinema di Venezia, si sarebbe dovuto intitolare Loro, e avrebbe dovuto offrire una visione personale sul personaggio che ha tenuto le redini del potere politico italiano per vent’anni, probabilmente vicino per stile e approccio narrativo alla pellicola Il Divo, dedicata a un’altra grande figura controversa della storia italiana: Giulio Andreotti. Nel corso della recente intervista rilasciata a Cinecittà news il regista ha dichiarato: ‘Ho pensato di scrivere una sceneggiatura per un lavoro su Berlusconi, ma è una storia complessa, non sempre si riescono a fare i film che si vorrebbe’. Forse Sorrentino si è stancato di parlare di raccontare storie di leader al tramonto un tempo inseriti nei principali gangli della società e del mondo dello spettacolo (il rocker Cheyenne in This must be the placeil compositore classico in Youth,  il giornalista vitellone in La Grande Bellezza) e desidera dedicarsi ad altri profili e storie. 

Le riprese di Loro sarebbero dovute iniziare il prossimo anno: fino ad oggi i dettagli sul progetto non erano stati ancora comunicati, anche se girava voce che a interpretare Berlusconi sarebbe dovuto essere Massimo Boldi: una notizia senza fondamento, considerando anche il fatto che Sorrentino ha sempre avuto una predilezione per attori e star dell’avanspettacolo, senza però mai selezionarli come protagonisti. 

Nel frattempo Sorrentino è al lavoro sulla seconda serie di The Young Pope: la prima stagione ha riscosso consensi equanimi da parte di critica e pubblico, nel disegnare il personaggio di papa Belardo (interpretato da Jude Law) Sorrentino è riuscito a dare il suo meglio: forgiare una figura umana e tirannica, fredda ed estremamente emotiva, simbolo di una comunità e nel tempo stesso incapace di comprendere la propria natura. Qui di seguito gli articoli scritti dalla redazione sulla serie televisiva appena conclusasi:

Gli articoli su The Young Pope di Paolo Sorrentino:

THE YOUNG POPE” DI SORRENTINO: LE PRIME IMMAGINI
THE YOUNG POPE: STASERA IL GIRO DI BOA DELLA SERIE
THE YOUNG POPE: LE PUNTATE DI QUESTA SERA
THE YOUNG POPE: STASERA LA RESA DEI CONTI

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!