Raoul Bova
Spettacolo,  TV

Raoul Bova stasera ospite di Serena Rossi a Canzone Segreta

Raoul Bova stasera ospite di Serena Rossi a “Canzone Segreta”: carriera, figli ed età del sex symbol italiano

Raoul Bova stasera sarà uno dei 6 ospiti di Canzone Segreta, il programma condotto da Serena Rossi in diretta su Rai 1 alle 21.25.

Ogni puntata di Canzone Segreta vede diversi ospiti prendere posto sulla poltrona bianca e guardano amici, familiari e colleghi che dedicano loro una canzone speciale. Siamo arrivati alla terza puntata di questo show di emotainment che ha ottenuto un grande successo sin dalla prima serata. Gli ospiti di questa sera saranno: Raoul Bova, Claudia Gerini, Paola Perego, Amanda Lear e Francesca Fialdini. Ci sarà poi un sesto ospite a sorpresa.

Ma scopriamo di più sull’attore Raoul Bova, tra vita privata, carriera e successi televisivi.

Raoul Bova: la carriera tra cinema e televisione

Raoul Bova prima di fare l’attore ha tentato la strada del nuoto, diventando anche campione giovanile dei 100 metri a 15 anni.
Dopo il diploma si iscrive all’Isef, senza però terminare gli studi. Finito il servizio militare inizia a frequentare una scuola di recitazione per poi abbandonarla. Nel 1992 esordisce in televisione nello sceneggiato con Sabrina Ferilli Giuliano Gemma Una storia italiana. Sul grande schermo approda invece per la prima volta con Mutande pazze (1992) di Roberto d’Agostino. Bova trova improvvisamente il successo grazie ai fratelli Vanzina, che lo scelgono come protagonista maschile di Piccolo grande amore (1993).

Raoul Bova
Raoul Bova in una segna di Piccolo grande amore

Grazie a una scena in cui mostra un fisico perfetto, Raoul si impone come una delle più promettenti novità del giovane cinema italiano e, nel 1995, si assicura una parte in Palermo – Milano: solo andata di Claudio Fragasso, a cui seguirà nel 2007 Milano Palermo: Il ritorno.
Nel 1996 recita in Ninfa plebea e La lupa, mentre nel periodo compreso fra il 1997 e il 2000 si dedica alla televisione.

Le esperienze in televisione

Oltre al cinema, Raoul Bova ha recitato sul piccolo schermo. Nel 2011 ha ripreso i “panni” del nuotatore nel film per la televisione Come un delfino. È poi stato protagonista della miniserie di successo Ultimo – L’occhio del falco (2013).

Nel 2016 ha recitato una parte nella serie internazionale I Medici – Master of Florence.

Quest’anno è parte del cast della penultima puntata di Made in Italy, la serie trasmessa su Canale 5 e dedicata al mondo della moda italiana e agli anni Settanta.

Le occasioni all’estero

Con il primo decennio del 2000 Raoul Bova ottiene diverse occasioni. Nel 2001 lavora con Pupi Avati ne I cavalieri che fecero l’impresa. Ma lo scarso successo del film spinge l’attore a guardare all’industria cinematografica americana. Nel 2002 affianca Sylvester Stallone in Avenging Angelo, e Audrey Wells lo dirige insieme a Diane Lane in Sotto il sole della Toscana. Nel 2004 sarà in Alien vs Predator.

Nel 2010 sarà nel cast di The Tourist con Angelina Jolie e Johnny Depp, insieme ad altri attori italiani come Christian De Sica e Alessio Boni.

Anche dopo essere tornato al cinema italiano, continuano le esperienze con l’America. Nel 2016 è nella produzione internazionale Tutte le strade portano a Roma (All Roads Lead to Rome) con Sarah Jessica Parker.

Il ritorno in Italia e il successo delle commedie

Un regista in particolare aiuterà Bova a ritrovare il successo in Italia: Ferzan Ozpetek, che nel 2003 lo dirige ne La finestra di fronte. Per l’attore un altro incontro fondamentale è quello con Federico Moccia, che nel 2008 lo chiama come protagonista di Scusa ma ti chiamo amore. Tornerà anche per il sequel Scusa ma ti voglio sposare (2010).

Oltre a questi film leggeri e romantici, Raoul Bova si dedica anche a opere più serie. Ad esempio è in Io, l’altro (2007), del quale è anche produttore e che racconta l’incontro-scontro fra un siciliano e un esiliato tunisino, e Sbirri (2009) in cui si affronta il tema della droga.

Nel 2010 recita in La nostra vita di Daniele Luchetti i cui dimostra di essere molto cresciuto professionalmente. Viene quindi notato da Paolo Genovese, che lo chiama prima per Immaturi (2011) e poi per Immaturi – Il viaggio (2012), trasformandolo nel volto della nuova commedia semiseria all’italiana. Sempre nel 2011 Raoul Bova incontra Massimiliano Bruno, che in Nessuno mi può giudicare lo affianca a Paola Cortellesi. I due attori lavoreranno nuovamente insieme in Scusate se esisto! (2014), film di Riccardo Milani. Sempre all’interno del genere della commedia semiseria recita al fianco di Edoardo Leo in Buongiorno papà (2013) e di Luca Argentero in Fratelli unici (2014).

Nel 2015 Bova si fa dirigere da Michele Placido ne La scelta, al fianco di Ambra Angiolini. Lavora poi per la terza volta con Paolo Genovese in Sei mai stata sulla Luna? e divide la scena con Ricky Memphis in Torno indietro e cambio vita.

Nello stesso periodo, l’attore presenta al Giffoni Film Festival 15 secondi, un cortometraggio da lui prodotto, in cui recita al fianco di Ricky Memphis, Claudia Pandolfi e Nino Frassica.

Vita privata: i genitori, il divorzio e i cinque figli

Figlio di un dipendente Alitalia e di una casalinga, Raoul Bova nasce il 14 agosto del 1971 a Roma.

Nel 2000 si è spostato con Chiara Giordano, di professione veterinaria. Dal loro matrimonio sono nati tre figli: Alessandro Leon, Sophia e Francesco Bova. La coppia ha però divorziato nel 2013 e nell0 stesso anno, l’attore ha iniziato una relazione con l’attrice Rocìo Muñoz Morales. I due sono tutt’ora assieme e hanno due figlie, Luna e Alma Bova.

Raoul Bova
Raoul Bova e i figli Francesco e Alessandro Leon

Ad ottobre scorso Raoul Bova si era presentato sul red carpet del Festival del Cinema di Roma per la presentazione del cortometraggio Calabria, terra mia, visibilmente dimagrito. La cosa aveva fatto subito preoccupare i fan che hanno avuto una spiegazione della situazione dopo una sua intervista. L’attore aveva infatti dichiarato di stare bene ma che usciva da un periodo difficile. Negli ultimi due anni, dopo la perdita di entrambi i genitori a distanza di poco tempo e uno stop nel lavoro dovuto prima a un infortunio e poi alla pandemia, era ingrassato molto. Negli ultimi mesi però aveva deciso di rimettersi in forma, per l’amore della sua famiglia e complice l’impegno sul set di Buongiorno mamma, la nuova fiction di Canale 5 in uscita fra poco.

Raoul Bova
Raoul Bova con la compagna Rocìo Munoz Morales al Festival di Roma

Raoul Bova oggi: lo scherzo delle Iene

Lo scorso martedì 23 marzo, Raoul Bova è stato vittima di uno scherzo del programma di Italia 1 Le Iene, condotto da Alessia Marcuzzi e Nicola Savino. Complici il figlio Francesco e la sexy star Priscilla Salerno, l’attore ha creduto di essere diventato nonno a soli 49 anni.

Francesco Bova, avuto dal primo matrimonio con Chiara Giordano, è appena maggiorenne e per lo scherzo ha fatto credere al padre di aver avuto un figlio dalla ex attrice hard Priscilla Salerno, molto più grande di lui. Dopo avergli confessato l’intenzione di sposare la donna, Francesco gli ha poi presentato il (finto) figlio Brian. L’attore, come potete immaginare, non ha preso affatto bene la notizia.

Raoul Bova stasera ospite a Canzone Segreta

Raoul Bova stasera sarà uno dei 6 ospiti di Canzone Segreta, il programma condotto da Serena Rossi. Questa sera sarà il suo turno di sedersi sulla poltrona bianca e vedere esibirsi amici, colleghi o famigliari sulle note di una canzone a lui cara.

Per scoprire chi farà la sorpresa a Raoul Bova basta seguire stasera Canzone Segreta in diretta su Rai 1 alle 21.25.

 

LEGGI ANCHE: 

Programmi stasera in tv 26 marzo: la guida tv completa di oggi

Le Iene 26 marzo: anticipazioni, interviste e scherzi della puntata

Propaganda Live 26 marzo: le anticipazioni e gli ospiti di stasera

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *