,

THE BASSARIDS – LE BASSARIDI: L’OPERA DI HENZE SU RAI 5

THE BASSARIDS – LE BASSARIDI: L’OPERA DI HENZE SU RAI 5

The Bassarids (Le Bassaridi), la magistrale riscrittura de Le Baccanti di Euripide di Hans Werner Henze: info sull’opera, il 5 giugno su Rai 5

The Bassarids, l’opera di Hans Werner Henze, chiude il ciclo dell’opera di Rai 5 per questa settimana. La messa in onda de Le Bassaridi è programmata per domani, venerdì 5 giugno, direttamente dal Teatro dell’Opera di Roma, alle 10. Lo spettacolo nel 2015 si è aggiudicato il Premio Abbiati della critica musicale italiana. Alla regia troviamo Mario Martone, mentre la direzione è affidata a Stefan Soltesz.

The Bassarids (Die Bassariden, in tedesco) è considerata l’opera capolavoro del compositore e fu scritta nel 1964 su libretto del poeta inglese W.H. Auden e del compagno Kallman. Scopriamo ora tutte le info sull’opera, la scheda, i personaggi e la trama.

The Bassarids di Hans Werner Henze su Rai 5: scheda dell’opera

Die Bassariden (le Bassaridi) è un’opera seria in un solo atto di Hans Werner Henze (1926-2012) su libretto di Wystan Hugh Auden e Chester Kallman, da Le Baccanti di Euripide. Prima rappresentazione: Salisburgo, Großes Festspielhaus, 6 agosto 1966.

the bassarids

Personaggi:

  • Dioniso (tenore);
  • Penteo (baritono);
  • Cadmo (basso);
  • Tiresia (tenore);
  • il capitano della guardia (baritono);
  • Agave (mezzosoprano);
  • Autonoe (soprano);
  • Beroe (contralto);
  • schiava di Agave (muto);
  • una fanciulla, sua figlia (muto);
  • bassaridi, cittadini.

Quando l’ancor giovane Henze comincia a scrivere Die Bassariden, nell’ottobre 1964, subito dopo aver composto l’opera comica Der junge Lord, ha già alle spalle molte e importanti esperienze di teatro musicale, tra le quali Boulevard Solitude e Elegie für junge Liebende. L’opera Die Bassariden (the Bassarids), commissionata dal Festival di Salisburgo, appare quindi quando il suo nome è già internazionalmente noto, benché difficilmente collocabile in un filone preciso della musica contemproanea. A differenza di molti compositori della sua generazione, inoltre, Henze ama e crede nell’opera in musica, ossia considera la narrazione musicale quale valore imprescindibile dell’espressività individuale e collettiva.

Il significato de Le Bassaridi: una chiave interpretativa

Die Bassariden costituisce il punto d’incontro e di riflessione di alcune fondamentali caratteristiche della sua estetica: l’impegno politico e lo sforzo di salvaguardare lo spirito libertario. Ciò viene declinato nell’antagonismo tra il vitalistico, spregiudicato e corporeo Dioniso e il legalitario e spirituale Penteo. Dell’originale tragedia di Euripide, poi, Auden e Kallman scelgono solo alcuni punti focali: ripropongono ad esempio il tema della fluidità e della metamorfosi. Oltre al dilemma di ciò che rivoluzione e reazione possono provocare se privi di tolleranza, poi, affiora anche in maniera metaforica il problema del linguaggio.

the bassarids

Tutto nelle Bassaridi di Henze circola, tanto che oltre all’originario germe euripideo, il Dioniso di Henze sembra accogliere anche elementi nietzschiani; così come in Penteo riaffiorano motivi propri della psicoanalisi. La riscrittura di Henze, insomma, traccia una lunga linea tra la cultura classica e la modernità, riscrivendo e riproponendo con lente novecentesca la tragedia euripidea.

Potrebbero interessarti anche:

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Federico Demitry
Articoli dell'Autore / Federico Demitry

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>