Musica: Radiohead a Firenze, i momenti più belli di un grande show
Musica,  Spettacolo

RADIOHEAD A FIRENZE: I MOMENTI PIÙ BELLI DI UN GRANDE SHOW

La prima data italiana dei Radiohead seduce e meraviglia: i punti salienti del concerto di Firenze

Quaranta mila persone hanno salutato il ritorno dei Radiohead in Italia, per la prima tappa di Firenze. Un concerto straordinario accompagnato, come tradizione per la band di Thom Yorke, da una sontuosa e futuristica preparazione di scenografie e luci. L’Arena di Visarno si è così illuminata, per quella che è stata e sara ancora a lungo una delle band segnavia del rock contemporaneo. Ecco i momenti più belli del live:

Il via alle 21il pezzo che lancia lo show è Daydreaming, secondo brano dell’ultimo disco dei Radiohead, A Moon shaped Pool: una ballata voce e piano che introduce il pubblico al live come un lieve sipario, come le prime parole di una lunga fiaba..

Il primo saluto: verso le 22 il primo saluto di Thom Yorke, rigorosamente in italiano. Poi due brani: Airbag e Mixomatosis. Il concerto ormai ha preso il suo ritmo.

Il pubblico si scatena: alle 22,15 la prima grande hit de Radiohead fa infiammare il pubblico. Si tratta di Everything is in its right place, tratto da Kid A, il primo vero album in cui l’elettronica e la sperimentazione iniziano a spodestare il brit pop degli esordi, con il quale la band raggiunse il successo con The Bends Ok Computer, attualmente in ristampa.

La seconda parte del live: alle 23, un’interruzione, ancora due parole in italiano “Tutto bene?”. Il concerto si avvia alla fine con le ultime perle, pescate dal passato, e i dovuti bis.

Le grandi perle del passato: la conclusione è in grande stile, con gli storici classici della band Paranoid Android, la commovente ballata Fake Plastic Trees e la hit forse più amata della band, Karma Police, portata raramente sul palco da Yorke e soci, ideale punto di contatto tra passato, presente e futuro per la band. Un lungo saluto, e un arrivederci, per i fan irriducibili al concerto di domani sera, a Monza, in occasione dell’I DAYS FESTIVAL.

Ecco la scaletta e i bis:

Daydreaming
Desert island disk
Ful sTOP
Airbag
15 step
Mixomatosis
Lucky
Pyramid Song
EIRP
Let it down
Bloom
Identikik
Idioteque
The numbers
Exit music
Bodysnatchers

BIS

You and whose army?
2+2=5
There there
Paranoid Android
Street Spirit

BIS 2

Lotus Flower
Fake Plastic Trees
Karma Police

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!