10 CANZONI ALLA SCOPERTA DI DAVID BOWIE

10 CANZONI ALLA SCOPERTA DI DAVID BOWIE

La rock star britannica David Bowie (David Robert Jones) nasce l’8 gennaio 1947 a Londra. Con il suo sperimentalismo e la sua audacia, sfida i canoni del rock e consacra al successo i suoi brani: 10 canzoni alla scoperta del Duca Bianco.

David Bowie canzoni. La fama e l’alone di mistero che circondano David Bowie (nato David Robert Jones) è davvero enorme. Nato l’8 gennaio 1947 a Londra, è stato uno dei personaggi più influenti nella cultura di massa pop-rock per la sua versatilità e il suo genio creativo. Prima di tutto, gli esordi di Bowie sono legati all’affetto verso il fratello Terry, appassionato di musica beat. Infatti fu lui ad avvicinarlo alla musica e, a distanza di anni, Bowie lo ricorderà con orgoglio. Però Terry era gravemente malato e morì in circostanze tragiche. Alla sua figura David Bowie si ispira per scrivere dei pezzi di grande successo.

1. Space Oddity: canzoni di David Bowie

Space Oddity (1969) è considerato il primo successo di David Bowie. Ispitato ad atmosfere galattiche, racconta il viaggio nello spazio dell’astronauta Major Tom. Il significato implicito della canzone è l’alienazione e la perdita di contatto con la realtà.

2. The Bewlay Brothers canzoni di David Bowie

Ispirata al suo rapporto con il fratello Terry è questo pezzo del 1971. Nonostante le numerose interpretazioni che sono state date di questo brano, la più accreditata è quella secondo cui la canzone parla del rapporto tra il Duca Bianco e il fratello Terry, affetto da schizofrenia e a lungo internato.

3. Starman canzoni di David Bowie

Starman è uno dei capolavori assoluti di Bowie, uscito nel 1972. Insomma, è così famosa che si trova nella top 100 dei migliori singoli al mondo secondo  New Musical Express. La melodia è tra le più trascinanti: chitarra e piano trasportano l’ascoltatore in un’atmosfera cosmica.

4. Heroes 

Heroes è un singolo che Bowie ha scritto con Eno nel periodo del suo trasferimento in Germania Ovest. È contenuta nell’album omonimo Heroes (1977) e racconta l’amore contrastato di due giovani, separati dal muro d Berlino.

5. Modern Love 

Ormai siamo negli anni Ottanta, e Bowie decide di ampliare il suo pubblico per un’offerta più pop. Nel 1983 esce Modern Love, singolo tratto dall’album Let’s Dance, vincitore di un disco di Platino.

6. Absolute Beginners

Nel 1986 è la volta di Absolute Beginner. Ormai cantante di fama mondiale, incide questo singolo per l’omonima pellicola di Julian Temple. 

7. Baby Universal

In seguito, Bowie inizia una collaborazione con la band Tin Machine, con cui lavora dalla fine degli anni Ottanta. Poi il gruppo si scioglierà nel 1992, quando David Bowie sceglierà di tornare alla carriera solista.

8. Where are we now

Poi, dopo un lungo ritiro dalle scene dovuto a problemi di salute, David Bowie torna con l’album Next Day (2013) in cui compare questo eccellente singolo. I toni di questa canzone sono malinconici, pertanto la voce narrante è quella di una persona anziana. In altre parole, è una riflessione sul tempo trascorso .

9. Lazarus

Il secondo album dopo il ritorno sulle scene è Blackstar, che contiene il singolo Lazarus (2015), uno degli ultimi incisi prima della morte. Infatti, pochi giorni dopo l’uscita dell’album è giunta la notizia della morte di Bowie (10 gennaio 2016).

Bonus track: 1984

Infine, l’ultima canzone con cui ricordiamo David Bowie è il singolo 1984, uscito nel 1974 nell’album Diamond Dogs. Il brano è ispirato al romanzo omonimo di George Orwell e racconta l’imprigionamento del protagonista Winston Smith. Insomma, buon ascolto!

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Redazione MAM-E
Articoli dell'Autore / Redazione MAM-E

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>