,

MOONLIGHT TRE STORIE DI UNA VITA

MOONLIGHT TRE STORIE DI UNA VITA

Moonlight

Moonlight è un film del 2016 scritto e diretto da Barry Jenkins. Il film è basato sull’opera teatrale In Moonlight Black Boys Look Blue di Tarell Alvin McCraney.

Monnlight è un film pluripremiato. Infatti si è aggiudicato vari riconoscimenti, tra cui il Golden Globe per il miglior film drammatico e tre premi Oscar, per il miglior attore non protagonista, per la migliore sceneggiatura non originale e per il miglior film.

Ci sono altri motivi che rendono Moonlight un film eccezionale. Per esempio è il fatto che è il primo film a tematica LGBT ad ottenere dei premi Oscar. Nonché il primo con un cast totalmente composto da afroamericani e il secondo per l’incasso più basso sempre tra i vincitori di premi Oscar.

Infine è considerato dalla critica cinematografica uno dei film migliori della storia.

Tarrell Alvin McCraney e la sua storia

Nel 2003 Tarell Alvin McCraney scrisse un’opera teatrale semi-autobiografica. In parte per affrontare la morte della madre malata di AIDS. La pièce non è mai stata portata in scena. Ed è rimasta sconosciuta per più di dieci anni. Per poi diventare la base per la sceneggiatura del film.

Jenkins ha cercato finanziamenti per il film nel corso del 2013. Ebbe successo dopo aver condiviso lo script con i dirigenti di Plan B Entertainment al Telluride Film FestivalDede Gardner e Jeremy Kleiner sono i produttori del film. Mentre A24 si è impegnata a finanziarlo e gestire la distribuzione mondiale.

Il film è stato scelto come film d’apertura della Festa del Cinema di Roma 2016. Ed è stato distribuito nelle sale italiane il 16 febbraio 2017.

mam-e-spettacolo-MOONLIGHT-TRE-STORIE-DI-UNA-VITA-roma
Festa del cinema di Roma 2016

Moonlight fa il suo primo passaggio televisivo il 4 marzo su Sky Cinema con il titolo Moonlight – Tre storie di una vita.

E questa sera fa il bis. Infatti Sky Cinema Cult lo ripropone alle ore 21.00.

Moonlight – Tre storie di una vita

I. Piccolo –

Chiron è un bambino afroamericano originario di Liberty City. Ed chiamato da tutti “Piccolo”. La madre, Paula, invece di prendersi cura del figlio ama drogarsi.

Per caso, incontra lo spacciatore Juan, un uomo che si prenderà cura di lui.

Juan cercherà di aiutare Chiron ad affrontare la sua difficile situazione familiare. E lo accoglierà a casa sua, trattandolo come un figlio. Un giorno Juan lo porta con sé al mare, insegnandogli perfino a nuotare. Da quel momento in poi Chiron amerà l’acqua perché lo considera luogo dove le preoccupazioni si dissolvono.

II. Chiron –

Chiron è ormai adolescente. Ma vive gli stessi problemi della sua infanzia. Anzi forse li vive amplificati. La madre continua a drogarsi e a comportarsi come una prostituta. E per questo Chiron è costretto a rifugiarsi nuovamente a casa di Juan. Soprattutto per trovare qualcuno che lo sappia ascoltare veramente.

Nel frattempo Juan muore. E Chiron decide quindi di andare a scuola e di lasciarsi alle spalle casa sua per sempre.

Per cercare un po’ di serenità, decide di andare a riflettere in riva al mare. Di lì a poco si reca sul posto anche l’amico Kevin. Dopo una lunga conversazione Kevin lo bacia ed incomincia ad accarezzarlo sensualmente. Questa situazione permette a Chiron di conoscere la propria sessualità.

mam-e-spettacolo-MOONLIGHT-TRE-STORIE-DI-UNA-VITA-chiron-e-kevin
Kevin e Chiron sulla spiaggia

All’uscita di scuola Terrel, il capo del gruppo di bulli, ordina a Kevin di colpire Chiron. Finita la rissa i bulli scappano. E Chiron resta disteso e grondante di sangue e disteso per terra. Il mattino seguente Chiron sfoga tutta la rabbia accumulata. Infatti spacca una delle sedie della classe sulla schiena di Terrel. Chiron viene arrestato e spedito in riformatorio.

III. Black –

L’adulto Chiron è ormai divenuto uno spacciatore di brutto quartiere di Atlanta.

Una notte Chiron viene svegliato da una telefonata. Crede provenga dalla madre Paula. Nel frattempo è andata a vivere in un centro di recupero per tossicodipendenti. Invece la telefonata è del suo ex-amico Kevin. Che gli chiede se può perdonarlo e lo invita a visitarlo.

Di lì a poco Chiron va a trovare la madre Paula al centro di recupero. Da lì Chiron si reca poi a trovare Kevin a Miami. Finalmente i due giovani uomini potranno esprimere liberamente i reciproci sentimenti.

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Alessandro Dalai
Articoli dell'Autore / Alessandro Dalai