lo stato contro fritz bauer
Spettacolo,  TV

Lo stato contro Fritz Bauer su Rai 5: trama e storia vera

Lo stato contro Fritz Bauer: la trama del film su Rai 5, ispirato ad una storia vera

Martedì 24 gennaio in prima serata Rai 5 va in onda il film Lo stato contro Fritz Bauer diretto da Lars Kraume. Tratto dalla storia vera del giurista tedesco Fritz Bauer, il film mostra alcuni passaggi decisivi per la cattura del criminale Adolf Eichmann, il cui processo ebbe risonanza mondiale. Per fare questo, Bauer dovette affrontare diverse difficoltà e arrivo a “tradire” lo stato tedesco, usando procedure poco ortodosse e addirittura fuori legge. Vediamo allora la trama del film e la storia vera di Bauer.

Lo stato contro Fritz Bauer: la trama del film

Siamo nella Germania post-bellica. 1957: il governo guidato da Konrad Adenauer, uno dei padri fondatori della Comunità europea, è costretto ad affrontare quanto continua ad emergere circa la Germania nazista. Il paese è diviso in due parti, ma da più fronti continuano ad affiorare testimonianze e storie che incoraggiano a scavare sugli orrori del regime hitleriano. Il problema vero, però, è che ex-nazisti rivestono ancora ruoli di potere. In questo contesto, il giudice Fritz Bauer cerca di incastrare il criminale Adolf Eichmann, fuggito in Argentina sotto falso nome.

Nel governo e nella magistratura molti ostacolano il suo lavoro, temendo le ripercussioni sul piano politico e sulla stabilità del governo. Per questo, Bauer è costretto a scartare l’ipotesi di portare Eichmann in aula a Francoforte, e comincia a collaborare con l’intelligence israeliana Mossad, per ottenere l’arresto dell’ex funzionario nazista. Riflettendo sul processo ad Eichmann, la filosofa Hannah Arendt, inviata come corrispondente, scrisse la famosa opera La banalità del male. 

lo stato contro fritz bauer
La locandina del film

La vera storia del giudice tedesco: chi era Fritz Bauer

La pellicola è tratta dalla storia vera del pubblico ministero Fritz Bauer. Tedesco nato da genitori ebrei, durante gli anni del nazismo fu costretto a riparare in Danimarca prima, e in Svezia poi. Già perseguito dai nazisti in patria per reati politici, il suo attivismo lo portò a conoscere in esilio anche Willy Brandt, futuro cancelliere della Repubblica Federale Politica. Uno dei politici più importanti del dopoguerra tedesco.

Rientrato in patria alla fine del conflitto, Bauer cominciò la sua carriera in tribunale. La sua attività di procuratore a Francoforte fu fondamentale per l’istituzione del processo omonimo, tenutosi dal 1963 al 1965. Gli imputati furono 22, cui vennero contestati diversi crimini commessi nel campo di concentramento di Auschwitz.

Quando e dove

Il film andrà in onda martedì 26 gennaio in prima serata su Rai 5 a partire dalle 21.05 circa. Fa parte della programmazione dedicata alla giornata della memoria, che cade ogni anno il 27 gennaio. 

Leggi anche:

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *