turandot rai5
Opera,  Spettacolo,  TV

LA SCALA ARRIVA IN PRIMA SERATA: TURANDOT IN TV SU RAI5

Le grandi opere rappresentate al Teatro alla Scala su Rai5: 8 aprile arriva la Turandot in prima serata

Turandot Rai5: Come abbiamo scritto nei giorni scorsi, Rai ha avviato la sua programmazione dedicata all’opera. Ogni giorno su Raiplay e Rai5 ci sarà un’opera diversa, registrata tra il 2008 e il 2019, che ci permetterà di rivivere le emozioni della grande tradizione lirica anche a distanza (per maggiori informazioni leggi qui).

Domani, 8 aprile, l’appuntamento è addirittura doppio: alle 10 in onda su Rai5 ci sarà Simon Boccanegra, diretto da Daniel Baremboim con la regia di Federico Tiezzi; alle 21.15, invece, la Turandot di Giacomo Puccini. In particolare, la versione scelta per la prima serata di domani su Rai5 è quella del 2015, rappresentata al Teatro alla Scala sotto la direzione del maestro Riccardo Chailly e con la regia di Nikolaus Lehnhoff, in occasione dell’inaugurazione dell’Expo Milano 2015. La diretta della Turandot sarà visibile oltre che su Rai5, anche sulla piattaforma streaming di Raiplay.

turandot rai5

Ripercorriamo ora la storia di una delle opere più celebri, nonché l’ultima, di Giacomo Puccini.

Turandot: la storia (dal nostro Dizionario dell’opera)

La scelta dell’argomento fiabesco della Turandot di Carlo Gozzi condusse l’estrema fatica di Giacomo Puccini fuori dei territori prediletti dal suo teatro, quelli tra il realistico e il sentimentale, di cui le tre operine del Trittico avevano offerto un ultimo compendio. A suggerire a Puccini la fiaba teatrale del veneziano Gozzi fu il gironalista Renato Simoni. Chiariamo inoltre che Puccini, ormai in età avanzata, non riuscì a terminare l’opera. L’artista morì infatti il 29 novembre del 1924, e il finale fu completato da Franco Alfano.

Puccini affrontò la Turandot come un’impresa, che giudicava per lui estremamente difficile e, forse proprio per questo, l’avvio di una nuova fase. “Penso ora per ora”, scriveva ad Adami “minuto per minuto a Turandot e tutta la mia musica scritta fino ad ora mi pare una burletta e non mi piace più”.

turandot rai5
Giacomo Puccini

Le difficoltà per Puccini si annidavano tutte nel carattere favoloso del soggetto gozziano. C’erano anzitutto le maschere (nell’originale Tartaglia, Pantalone, Truffaldino e Brighella), che gli autori risolsero di trasformare nei terzetto dei ministri Ping Pang e Pong, portatori di una nota di colore cinese (nei loro interventi si concentra buona parte del amteriale musicale cinese dell’opera), ma soprattutto, sul modello dei fools shakespeariani, elemento univoco di commento disincantato, ironico e grottesco, talvolta perfino cinico, della realtà che li circonda. C’era il problema di trasformare la principessa Turandot da fanciulla capricciosa in esecutrice tragica di una missione sacrale di vendetta nei confronti dei suoi pretendenti; ai quali ricambiare l’onta subita dalla principessa Lou-ling, sua “ava dolce e serena”, rapita dalla reggia e morta per difendere la propria purezza da uno straniero; da un tartaro, proprio come il principe ignoto che ella affronta nella prova decisiva.

Turandot: trama e scheda dei personaggi

Personaggi:

  • Turandot, principessa (soprano);
  • Altoum, imperatore (tenore);
  • Timur, re tartaro spodestato (basso);
  • Calaf, principe ignoto, suo figlio (tenore);
  • Liù, giovane schiava (soprano);
  • Ping, gran cancelliere (baritono);
  • Pang, gran provveditore (tenore);
  • Pong, gran cuciniere (tenore);
  • un mandriano (baritono);
  • il principe di Persia (recitativo);
  • il carnefice (recitativo);
  • guardie imperiali, servi del boia, ragazzi, sacerdoti, mandarini, dignitari, gli otto sapienti, ancelle di Turandot, soldati, portabandiera, musici, folla.

Turandot è un dramma lirico in tre atti e cinque quadri di Giacomo Puccini (1858-1924) su libretto di Giuseppe Adami e Renato Simoni, dalla fiaba teatrale omonima di Carlo Gozzi. La prima assoluta è avvenuta a Milano, al Teatro alla Scala, il 26 aprile 1926, quasi due anni dopo la morte del maestro.

turandot rai5

La vicenda si svolge nel mitico tempo delle favole, a Pechino. La protagonista del racconto è Turandot, una giovane principessa molto bella, ma anche solitaria e corrosa dal ricordo della tragica fine di una sua antenata, Lou-ling. Per le vicende collegate a questo ricordo, Turandot odia gli uomini, e non vorrebbe sposarsi. Se non che, l’imperatore Altoum (suo padre) e il popolo di Pechino chiedono che la principessa trovi marito.

Per questo motivo Turandot decide di sposarsi. Gli uomini che chiederanno di sposarla, però, dovranno risolvere tre enigmi. In caso di fallimento, i pretendenti sono condannati a morte. Tra i pretendenti il Principe di Persia e il giovane principe spodestato, il tartaro Calaf.

Forse potrebbero interessarti anche:

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *