FUGA DA NEW YORK ROBERT RODRIGUEZ REMAKE
Cinema,  Spettacolo

FUGA DA NEW YORK: ROBERT RODRIGUEZ DIRIGERÁ IL REMAKE

Il seminale fantasy catastrofico di John Carpenter passa in eredità al regista di ‘Sin City’ e sodale di Quentin Tarantino: Robert Rodríguez

Siamo esattamente a 20 anni dal futuro catastrofico preconizzato da John Carpenter in ‘1997: Fuga da New York‘, film girato nel 1981, che raccontava una metropoli in mano all’anarchia e al caos, divisa da muri, le forze di polizia che formano un esercito violento e corrotto. Un carcere in forma di città: se si entra non si esce più. Come l’Inferno dantesco, con l’ex eroe di guerra Iena Plissken che ha il compito di passarci attraverso, portatore della non misera missione di salvare il mondo da una catastrofe senza precedenti.

Con l’avvento dell’era Trump certi incubi possono ritornare? Forse proprio in vista di questi ‘venti distopici’, il progetto di raccontare di nuovo l’inferno carpenteriano è tornato in pista, dopo il sequel Fuga da Los Angeles girato dallo stesso regista nel 1996. Questa volta si parla però di remake, e a dirigerlo sarà Robert Rodríguez, l’uomo giusto per raccontare le montagne russe di violenza e divertimento di Fuga da New York. A produrlo la Fox, che è riuscita a conquistare il soggetto dopo una vittoriosa battaglia legale portata a termine due anni fa.

Sono tre anni che il cinquantenne regista americano non dirige un film: l’ultimo è stato il deludente sequel di Sin City, ‘Una donna per cui uccidere’, da allora Rodríguez si concentrato sulla serie tv ‘Dall’alba al tramonto’ (di cui ha diretto sei episodi), giunta ormai alla sue terza stagione, e mettendosi al lavora per l’adattamento dell’anime giapponese ‘Aliat l’angelo della battaglia’.

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!