Chi è il regista Roberto Roberti, padre di Sergio Leone?

Chi è il regista Roberto Roberti, padre di Sergio Leone?

Chi è Roberto Roberti, padre del cinema muto italiano e non solo.

Da ieri sera sul web impazza la domanda: chi è Roberto Roberti? Il motivo è presto detto. Ieri sera, durante il quiz show Chi vuol essere milionario?, al concorrente è stato domandato chi fosse il figlio di Roberto Roberti e subito i telespettatori si sono messi alla ricerca della risposta.

Mam-e vi racconta la sua storia.

La carriera di Roberto Roberti

Roberto Roberti, classe 1879, fu un famoso regista e uno dei pionieri del cinema muto degli albori. Nato a Torella dei Lombardi, in Campania, si iscrisse a giurisprudenza ma, una volta laureatosi, si dedicò al teatro.

Lavorare nell’ambiente della recitazione a Napoli sicuramente aiutò molto la carriera dell’attore che conobbe personaggi del calibro di Matilde Serao e Gabriele D’Annunzio. Fu grazie a quest’ultimo che Roberti riuscì ad entrare nella compagnia teatrale di Eleonora Duse, musa del poeta.

Nel 1911 Roberto Roberti fece ingresso nel mondo del cinema grazie ad un ruolo da attore nel film La Bufera. Roberti capì però che preferiva stare dall’altro lato della cinepresa e, a partire dall’anno successivo, iniziò a lavorare come regista.  La sua fu una carriera promettente, che durò 40 anni, dal 1912 al 1952. la sua produzione cinematografica ebbe solo una battuta di arresto durante il periodo del fascismo. Il regista, infatti, poiché si discostava dell’ideologia del regime, rimase inattivo fino al 1939.

chi è Roberto Roberti
Un fotogramma del film La Bufera

Roberto Roberti alias Vincenzo Leone

Il regista nascondeva però un grande segreto. Roberto Roberti era un nome d’arte, usato per nascondere la sua carriera nel mondo del cinema ai familiari. Infatti, il nome di battesimo della star era Vincenzo Leone.

Un nome che nel mondo del cinema non suona assolutamente nuovo. Infatti, Vincenzo ebbe un figlio dall’attrice Bice Waleran: il famosissimo regista western, Sergio Leone. Insomma, è proprio il caso di dire che l’allievo ha superato il maestro.

Un aneddoto interessante è l’omaggio che il figlio concesse al padre. Sergio Leone firmò il suo primo western “Per un pugno di dollari” sotto il nome di Bob Robertson. Bob sarebbe infatti il diminutivo inglese di Robert e Robertson, tradotto, significa “figlio di Roberto”.

chi è Roberto Roberti

Per maggiori informazioni su Sergio Leone, Mam-e ti invita a consultare il nostro dizionario del cinema!

Leggi anche:

Sergio Leone: un omaggio al maestro
C’era una volta: la nascita della trilogia
Sergio Leone: il buono, il brutto, il cattivo

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Redazione MAM-E
Articoli dell'Autore / Redazione MAM-E

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>