borat 2
Cinema,  NEWS

Borat 2: il giornalista kazako torna il 23 ottobre su Prime Video

Il discusso giornalista kazako Borat torna con un nuovo film, Borat 2, in uscita il 23 ottobre su Amazon Prime Video

L’attore Sacha Baron Cohen torna a far parlare di sé con la sua nuova interpretazione del giornalista kazako sessista e antisemita Borat. Baron è famoso infatti per ideare e interpretare personaggi grotteschi e comici, ma che comunicano il disagio di alcune tematiche delicate come l’antisemitismo. Vincitore di un golden globe e candidato all’oscar per il primo film sul giornalista kazako, l’attore torna con Borat 2 – subsequent movie il 23 ottobre su Amazon Prime Video.

borat 2

I personaggi di Baron Cohen

Cohen raggiunse la fama grazie al suo primo personaggio inventato: il rapper- gangster inglese Ali G. Il personaggio divenne famoso grazie a un format in cui intervista personaggi famosi, soprattutto politici. Cohen spiegò in un’intervista da David Letterman la sua strategia per avvicinarsi alle “prede”. Ali G si avvicinava tenendo in mano l’attrezzatura da ripresa e, accanto a lui, un attore bello, ordinato ed elegante chiedeva ai personaggi un’intervista. I malcapitati pensavano in questo modo che l’intervista sarebbe stata condotta dall’attore, ma in realtà era Ali G a fare le domande e a rilasciare dichiarazioni volutamente assurde e idiote. Tra i personaggi intervistati si annoverano David Beckham e la moglie Victoria, Noam Chomsky e Donald Trump.

borat 2

Il secondo personaggio di Baron Cohen è proprio Borat, un giornalista kazako, con un background alquanto assurdo. Sul personaggio uscì un film “Borat – Studio culturale sull’America a beneficio della gloriosa nazione del Kazakistan” che permise all’attore di ricevere un golden globe e una nomination agli oscar. La pellicola riscosse però critiche non indifferenti sia per le scene di antisemitismo, sia per la caricatura dei kazaki. 

Infine, Cohen ideò Brüno, un giornalista gay che si dedica alla moda. Interpretando il personaggio, irruppe nel 2008 alla sfilata  Ágatha Ruiz de la Prada a Milano, camminando in passerella con un look sopra le righe. La sicurezza si vide costretta a intervenire per fermare Cohen. Si scoprì successivamente che stava registrando una scena del film Brüno.

Il primo film di Borat

Borat – Studio culturale sull’America a beneficio della gloriosa nazione del Kazakistan fu presentato al festival del cinema di Roma nel 2006 e uscì nelle sale nel marzo 2007. La pellicola è un finto documentario che riprende Borat, giunto negli USA per studiarne la cultura ed i costumi. In America, si innamora di Pamela Anderson e viaggia per il Paese alla ricerca dell’attrice. Rifiutato dall’attrice, però, Borat torna nel suo paese portando con sé alcuni usi e costumi americani, come il cristianesimo e i computer.

La particolarità del film è la modalità di ripresa. Infatti, Cohen interpreta un giornalista che gira un documentario e molti dei personaggi coinvolti nel film non sapevano che Borat fosse un personaggio fittizio e che le riprese non erano di un vero documentario ma di un film. Molte scene sono quindi improvvisate. Inoltre, la lingua parlata da Borat non è kazako, ma un miscuglio di ebraico, armeno e inglese, con accento dell’est.

Il nuovo film: Borat 2 – Subsequent movie in uscita su Amazon Prime Video

Non si sa molto sul nuovo film del discusso giornalista kazako. Nel settembre 2020 la produzione ha confermato l’uscita del nuovo film, le cui riprese sono state avviate in gran segreto nel pieno della pandemia da nuovo Coronavirus. Il trailer ufficiale è stato rilasciato il primo ottobre 2020.

Dal trailer si può comprende che Borat si trova nuovamente negli Stati Uniti. Questa volta, però, non è solo. Assieme al giornalista c’è anche la figlia, che Borat vuole “dare in dono a qualcuno di vicino al trono”.  Comico, grottesco e provocante, non potevano mancare scene sull’emergenza sanitaria e sulla pandemia da Covid-19.

Borat e lo scandalo di Rudy Giuliani

Il film non è ancora uscito e già fa parlare di sé. Infatti nelle ultime ore sono state rilasciate immagini che vedrebbero coinvolto Rudy Giuliani, ex sindaco di New York nonché avvocato e sostenitore di Donald Trump.

In una scena del film, infatti, la figlia 15enne di Borat intervista Rudy Giuliani e, una volta terminate le domande, invita l’ex sindaco della Grande Mela a salire in camera per bere un drink. Visto che le scene fanno parte del finto documentario, la camera della ragazza era piena di telecamere nascoste.

Rudy Giuliani, all’oscuro di essere ripreso per il film, appena entra in camera si mette sul letto e si infila una mano nei pantaloni. Allora entra Borat, che esclama: “Ha 15 anni! è troppo vecchia per te!“. In realtà ricordiamo che la ragazza è un’attrice 24enne che interpreta la figlia di 15 anni di Borat.

Borat 2
Le immagini delle telecamere nascoste

Per avere maggiori informazioni non resta che attendere il 23 ottobre per guardare il documentario su Amazon Prime Video. Ecco il trailer:

Leggi anche:

Uscite Netflix ottobre
Cadaver, l’horror norvegese su Netflix

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *