,

29 ottobre 2020: 70 anni fa nasceva Rino Gaetano

29 ottobre 2020: 70 anni fa nasceva Rino Gaetano

29 ottobre 2020: 70 anni fa nasceva Rino Gaetano – MAM-e lo ricorda così

Salvatore Antonio Gaetano, meglio conosciuto come Rino Gaetano nasceva esattamente 70 anni fa, il 29 ottobre 1950.

Originario di Crotone, il cantautore è sempre rimasto legato alla terra calabrese e ha continuato a rifiutare ogni sorta di etichetta su di sé. Egli viene ricordato soprattutto per i profondi testi delle sue canzoni, all’interno delle quali spesso si celava una denuncia sociale acuta e impegnata. Prematura la sua scomparsa, avvenuta nel 1981 alla sola età di trent’anni, a causa di un incidente stradale.

La sua produzione musicale venne apprezzata soprattutto dopo la sua morte. Dopo il 2000, in particolare, le sue canzoni più celebri continuarono a riscuotere un successo incredibile anche tra le nuove generazioni.

rino gaetano
Rino Gaetano.

La vita

Rino Gaetano trascorre l’infanzia a Crotone, ma deve trasferirsi ben presto a Roma con i genitori, che sono in cerca di un lavoro.

Da ragazzo si appassiona al teatro e alla musica, componendo con la chitarra le sue prime canzoni. Fin da subito queste sono caratterizzate da uno stile ironico e molto singolare, irrituale rispetto alla linea musicale seriosa di quegli anni. Anche dopo il suo debutto con un 45 giri, Rino viene visto dalle case discografiche come troppo anticonformista rispetto al panorama musicale dell’epoca.

Due anni dopo, nel 1974, ci riprova e pubblica un intero album: Ingresso libero. Rino è soddisfatto anche solo di essere sul mercato musicale, ma il pubblico ancora lo ignora.

È nel 1975 che finalmente il cantautore riesce a scalare le classifiche, grazie a Ma il cielo è sempre più blu, singolo che ha fatto la storia della musica italiana.

rino gaetano
Il singolo “Ma il cielo è sempre più blu”.

Nel corso degli anni, Rino Gaetano emerge sempre di più come il cantante fuori dalle righe per antonomasia, pubblicando una serie di canzoni ironiche e divertenti ma che fanno riflettere su temi importanti e delicati.

Con Aida e Nuntereggae più, il cantautore riscuote sempre maggiori successi. Arriva poi nel 1978 al Festival di Sanremo con Gianna, posizionandosi al terzo posto dopo Anna Oxa e i Matia Bazar.

L’anno successivo esce il disco Resta vile maschio dove vai, che lancia la ballata Ahi Maria. Con questo disco per Rino comincia una tournée che lo rende molto popolare in tutta Italia.

Dopo questo incredibile successo, arriva presto anche la crisi artistica. Rino cerca altre vie di espressione e comincia a collaborare con vari artisti come Riccardo Cocciante.

La morte però lo porta via prematuramente il 2 giugno 1981, a causa di un terribile incidente stradale a Roma sulla via Nomentana a tarda notte.

Le cinque canzoni più belle di Rino Gaetano

1. Ma il cielo è sempre più blu 

Pubblicato nel 1975, oggi è un classico della musica italiana. Il testo parla dei parallelismi che costituivano le contraddizioni della società dell’epoca. Inizialmente la canzone venne censurata a causa del verso “Chi tira la bomba, chi nasconde la mano“.

2. Gianna 

È forse il pezzo più famoso di Rino Gaetano. Eppure, il cantante non amava questa canzone e si trovò costretto a portarlo a Sanremo. Questo gli valse comunque il terzo posto in classifica. Gianna fu una vera novità per il Festival di Sanremo, perché usciva dai temi classici delle canzoni dell’epoca e portava al centro il mondo libertino femminile.

rino gaetano
La copertina del singolo “Gianna”.

3. Aida 

Questo pezzo, uscito nell’omonimo album del 1977, è un ritratto dell’Italia dell’epoca. Vengono raccontati i periodi del fascismo, della guerra e del dopoguerra, fino ad arrivare alle difficoltà che hanno contraddistinto gli anni ’70. Il nome di Aida rimanda all’opera di Giuseppe Verdi.

4. A mano a mano 

La canzone, scritta da Riccardo Cocciante, fu interpretata solo una volta da Rino Gaetano in uno dei suoi concerti live. La sua interpretazione rivoluzionò la canzone. Infatti, rispetto all’esecuzione cupa di Cocciante, il cantante calabrese si distinse per il tono più leggero e fresco con cui si approcciò al brano.

5. Nuntereggae più 

Nonostante il successo, questo brano ha portato diversi problemi a Rino Gaetano. Infatti, si tratta di un’invettiva contro la classe politica, i giornalisti, gli imprenditori, gli avvocati, i calciatori. Insomma, è un’insolenza rivolta a tutto e a tutti, con tanto di nome e cognome completi. Anche qui ovviamente la censura intervenne per modificarne il testo.

Leggi anche:

GREASE : STASERA IN TV L’INTRAMONTABILE MUSICAL

LUCIO BATTISTI: LE DIECI CANZONI INDIMENTICABILI

Morto Eddie Van Halen: l’addio al grande chitarrista rock

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Susanna Bosio
Articoli dell'Autore / Susanna Bosio

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>