gong luca aquino
Eventi,  Musica,  Roma

“GONG”: LUCA AQUINO AL ROMA JAZZ FESTIVAL

MARTEDÌ 17 NOVEMBRE “GONG” È IL CONCERTO DEL TROMBETTISTA LUCA AQUINO ALL’INTERNO DEL ROMA JAZZ FESTIVAL 2020.

Luca Aquino si esibirà oggi con un concerto live streaming dal titolo “Gong. Il suono dell’ultimo round”. L’esibizione fa parte dell’edizione di quest’anno del famoso Roma Jazz Festival. Ad accompagnarlo saranno le opere dell’artista Mimmo Paladino.

I PROTAGONISTI DI GONG

Oggi 17 novembre, imperdibile l’appuntamento col concerto multimediale del trombettista Luca Aquino. La performance, una prima mondiale, sarà in diretta streaming a partire dalle 21 sulla piattaforma Live Now. Il musicista si esibirà insieme al suo gruppo, un trio, formato, oltre che da lui (alla tromba, naturalmente) da Antonio Jasevoli, alla chitarra elettrica, e PierPaolo Ranieri al basso. Ospite speciale sarà il percussionista francese Manu Katchè. Ad arricchire ulteriormente il concerto saranno le opere visive di Mimmo Paladino, grande esponente della Transavanguardia italiana. Le opere del pittore e scultore, classe 1948, sono tutte inedite. A chiudere il quadro, i testi del noto giornalista sportivo italiano Giorgio Terruzzi.

GONG, IL CONCERTO

“Gong. Il suono dell’ultimo round” è un racconto di sei storie di vita di sei incredibili pugili, narrate tramite musica, arte e scrittura. Primo Carnera, Muhammad Ali, Sugar Ray Robinson, Nicolino Loche, Carlos Monzon, e infine Mike Tyson: gli uomini dietro i campioni. Il concerto vuole infatti mettere in luce vittorie ma anche sconfitte di questi grandi nomi della boxe. Sei atleti entrati nel mito, ma caratterizzati da sogni, fragilità e fallimenti, proprio come tutti gli altri. Sei vite, fatte di impegno, lotta, resistenza e capacità di trasformazione. Non importa vincere o perdere, l’importante è salire sul ring.

LUCA AQUINO

Aquino è uno dei più famosi e apprezzati trombettisti italiani a livello internazionale. Nato a Benevento nel 1974, inizia a praticare questo strumento da autodidatta a diciannove anni. Il suo talento lo porta a pubblicare il suo primo album, “Sopra le nuvole” nel 2007 con la Universal Music Records. Già intorno al 2010 inizia a collaborare con Mimmo Paladino, e ciò lo porta anche a lavorare con il grande Lucio Dalla. Registra album in giro per il mondo, dalla Macedonia, all’Olanda e a Petra. Ad influenzare il suo stile, tra gli altri, anche il rock dei Doors e dei Led Zeppelin. Ha pubblicato ben 9 album, tutti rigorosamente jazz.

ROMA JAZZ FESTIVAL

La 44esima edizione del Roma Jazz Festival si svolgerà dal 10 al 20 novembre 2020. Sarà interamente in streaming direttamente dallo splendido Auditorium Parco della Musica della capitale, sulla piattaforma internazionale Live Now. Il titolo scelto per quest’anno è Jazz for Change. La chiusura dei teatri, legata all’emergenza Coronavirus, non ha impedito la riorganizzazione del festival (a porte chiuse), che avrebbe dovuto svolgersi a partire dal 29 ottobre.

“Il jazz è sempre stato e rimane una musica di resistenza ma non è solo musica, come dice Wynton Marsalis, è anche un modo di stare nel mondo e un modo di stare con gli altri. E pensando al nostro pubblico, agli appassionati, ai lavoratori dello spettacolo abbiamo deciso di andare avanti, riconoscendo il ruolo vitale che la musica può svolgere nella vita di ognuno”, ha dichiarato il Direttore Artistico Mario Ciampà. Il programma prevede 8 concerti.
L’abbonamento intero ha il costo di 15 €; quello alla singola esibizione, incluso il concerto “Gong. Il suono dell’ultimo round”, è invece di 5 €.

Autore: Chiara Anastasi

LEGGI ANCHE:

Milano Music Week 2020 Music Works Here

Il Film su Totti stasera: l’ottavo re di Roma

In uscita oggi il nuovo album dei Negramaro Contatto

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *