presidenziali usa 3 novembre
NEWS

USA 2020: al via le elezioni presidenziali oggi 3 novembre

USA 2020: al via le elezioni presidenziali oggi 3 novembre

USA 2020 – oggi 3 novembre le presidenziali

Ci siamo. Oggi 3 novembre 2020 cominciano le presidenziali americane. I cittadini statunitensi oggi decidono se confermare Donald Trump per un secondo mandato o se cambiare rotta portando alla Casa Bianca Joe Biden.

Nelle prossime ore i militari provvederanno a delimitare la Casa Bianca, compreso il Parco Lafayette, per paura di eventuali scontri e disordini durante la notte elettorale. Anche nelle strade delle principali città le vetrine dei negozi, delle banche e degli alberghi sono già state coperte con pannelli di legno.

presidenziali usa 3 novembre
La Casa Bianca blindata.

Tutto dipenderà dal comportamento di Trump. Egli infatti continua a creare tensioni, dichiarando di aver già preparato una squadra dei migliori avvocati per contestare i risultati dei voti in alcuni stati. E inoltre, sempre Trump, avrebbe affermato di volersi dichiarare anticipatamente vincitore anche senza i dati finali.

Le procedure di conteggio dei voti saranno molto complesse e lente. Alcuni stati, come la Pennsylvania, conteranno come validi i voti per posta che arriveranno fino al 6 novembre, solo se spediti prima del 3. Altri stati, invece, hanno già cominciato a contare i voti anticipati, come la Florida e l‘Arizona, ed è quindi probabile che da loro arriveranno prima dei risultati più certi.

USA 2020: le presidenziali oggi 3 novembre – il parere degli esperti

I pareri degli esperti sono abbastanza allineati, seppur con qualche distinzione.

Secondo le previsioni di Charlie Cook, uno dei più noti analisti politici specializzati in previsioni elettorali, «Joe Biden ha l’80% di possibilità di vincere su Trump e diventare il prossimo presidente americano». Il sito Cook Political Report, fondato nel 1984 dallo stesso Cook, analizza infatti le elezioni per la Camera, il Senato, la Presidenza americana e gli uffici del Governatore. Esso rappresenta uno dei punti di vista più autorevoli e stimati sugli exit poll politici.

presidenziali usa 3 novembre
Charlie Cook.

Altri analisti, però, sembrano molto più cauti rispetto a Cook. Considerate le precedenti elezioni del 2016, quando si verificò la vittoria di Trump a sorpresa, molti oggi preferiscono non sbilanciarsi troppo.

Proprio quattro anni fa i cittadini, ma anche gli esperti, hanno capito che non sempre i sondaggi sono del tutto attendibili. I meccanismi elettorali sono molto complessi negli Stati Uniti, considerando anche i moltissimi voti anticipati di quest’anno. Nel 2020 sono 8 milioni in più i cittadini che votano rispetto al 2016.

Ma ci sono anche alcuni analisti che parlano di “valanga blu“. Auspicano infatti una vittoria schiacciante per il candidato democratico Biden, vedendolo in costante vantaggio nei sondaggi nazionali.

Per questo gli Stati Uniti in questi giorni temono che le votazioni possano portare a disordini e instabilità, compresa anche una crisi costituzionale. Infatti, alla Camera e probabilmente anche al Senato rimarrebbe comunque una maggioranza democratica. E questi due organi sono essenziali per governare, quasi quanto la Presidenza.

Ecco quando usciranno i primi risultati

presidenziali usa 3 novembre
Election day.

I primi Stati americani a chiudere i seggi saranno il Vermont, l’Indiana, il Kentucky, il Virginia, il South e il North Carolina, l’Ohio e la Georgia. Intorno all’una e mezza di questa notte, ora italiana, usciranno gli exit poll, e man mano si scoprirà subito il vincitore negli stati che prevedono risultati nettissimi. Ad esempio, salvo sorprese, il Vermont andrà a Biden e il Kentucky a Trump.

Ma alcuni di questi sono stati in bilico, basti pensare al North Carolina, la Georgia o l’Ohio. E saranno proprio gli exit poll e i risultati di questi stati a dare un’idea generale sull’andamento delle elezioni. È però quasi certo che ancora non sapremo indicare il vincitore con sicurezza.

Intorno alle due di notte, sempre ora italiana, si chiuderanno i seggi di molti stati dell’Est, tra cui la Pennsylvania che è uno dei maggiori stati chiave di quest’anno. Verso le tre invece si cominceranno a scoprire i primi exit poll di altri importanti stati come l’Arizona, il Michigan, il Texas, il Wisconsin e il Minnesota.

A quel punto, forse, si avrà un’idea più sicura di chi sarà il vincitore. Altri stati chiuderanno i seggi per le quattro di notte, tra cui l‘Iowa e il Nevada. È probabile che entro le cinque o le sei sapremo chi avrà vinto alle elezioni.

Ma, considerate le condizioni particolari dell’election day di quest’anno, è anche probabile che il tutto si protrarrà per altre ore o addirittura altri giorni.

Leggi anche:

USA 2020: è cominciata la corsa finale per la Casa Bianca – ecco gli ultimi sondaggi al 2 Novembre

USA 2020: per chi votano i vip americani?

USA 2020 – Il sogno americano: utopia o realtà?

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *