tik tok italia
Hi Tech,  NEWS

Tik Tok Italia e la sfida dei suicidi: già due vittime, denunciata un’influencer

Tik Tok Italia e la sfida dei suicidi: già due vittime, denunciata un’influencer 48enne siciliana. La moda delle video sfide che esplode sul web, alle volte con tragici eventi

Uno dei social del momento è sicuramente Tik Tok. L’app, sviluppata in Cina e ben presto arrivata in tutto il mondo, è stata al obiettivo di polemiche da parte dell’ex presidente USA Donald Trump, nonostante ci abbia fatto compagnia, specialmente durante il primo lockdown. Ma proprio TikTok sta ricominciando ad essere al centro di polemiche per una sfida a dir poco folle: coprirsi totalmente il volto in modo tale da non poter respirare.

E le conseguenze drammatiche già sono arrivate. Denunciata una 48enne siciliana per istigazione al suicidio, oltre che 2 vittime: due bambini che, per imitare gli idoli (tra cui la famosissima Charlie D’Amelio) visti al telefono, hanno perso la vita.

tik tok italia

Tik Tok Italia e le sfide mortali: già 2 vittime, appena bambini

Antonella, 10 anni, di Palermo. Una piccola bara bianca ed una predica tenuta dall’arcivescovo di Palermo, poi un ultimo saluto ad Antonella. La piccola aveva solo 10 anni ma, come usuale per la sua generazione, aveva già dimestichezza tecnologica. E proprio dal telefonino si sviluppa la tragedia: dopo aver visto una sfida diventata virale su TikTok, la bambina decide di emulare le gesta degli influencer. La sfida è tanto semplice quanto drammatica: sfidare la sorte e togliersi il fiato, fino a quasi perdere conoscenza. Ma Antonella non ce l’ha fatta, trovata soffocata con la cravatta del padre.

Un’altra vittima, questa volta a Bari, di 9 anni. La tragedia è avvenuta nel pomeriggio del 26 gennaio. A dare l’allarme è stata la mamma del bambino, inutili i tentativi di rianimarlo e la corsa in ospedale, dove è arrivato ormai in arresto cardiaco. Nell’appartamento sono stati per ore al lavoro gli uomini della Questura di Bari: trovato impiccato in casa con una cordicella avvolta attorno al collo appesa ad un attaccapanni.

tik tok italia

Denunciata anche un’influencer 48enne siciliana

L’accusa sarebbe istigazione al suicidio, avanzata dalla Procura di Firenze: gli investigatori hanno trovato in rete un Tik Tok, riconducibile al profilo della influencer siciliana, con un video che mostrava una ‘sfida’ tra la donna e un uomo. I protagonisti si avvolgevano il volto con il nastro adesivo trasparente, in modo tale da non poter respirare. Tale video è stato considerato come “estremamente pericoloso” poiché visibile a tutti gli utenti senza restrizioni, senza contare che potesse essere oggetto di emulazione da parte di minorenni.

E proprio su questa costante sfida con il pericolo l’influencer avrebbe basato la sua “fortuna”: in precedenza aveva pubblicato altri video sfide che le portato popolarità e ben 731.000 followers sul suo profilo. Disturbanti sono anche i commenti che si trovano su alcuni post, come: “Ciao, se mi saluti giuro mi lancio dalla finestra“.

Vien da chiedersi se anche Tik Tok debba subire limitazioni e veicolo di video. In un’ epoca memore della Blue Whale Challange e dell’estremo circolo di contenuti (anche pericolosi), proteggersi è d’obbligo. E proteggere bambini, la cui mente è malleabile per definizione, lo è ancora di più.

 

LEGGI ANCHE: 

Tik Tok: il social cinese forse in vendita 

Moda, Tik Tok e i nuovi social della moda

Ti Tok: il futuro dei social media e l’intelligenza artificiale

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *