speranza casi variante delta
Attualità,  NEWS

Speranza sulla variante Delta: “ci aspettiamo un aumento di casi”

Aumentano le preoccupazioni per la variante Delta. Speranza: “Ci aspettiamo un aumento dei casi”

In Italia aumentano le preoccupazioni sulla circolazione della variante Delta. Nel bollettino di ieri ci sono stati 835 contagi e 31 morti. Il Ministro Speranza, che nei giorni scorsi ha confermato lo stop all’ obbligo delle mascherine all’aperto a partire dal 28 giugno, ha dichiarato che “Ci aspettiamo un aumento dei casi”.

Le preoccupazione per la variante Delta in Italia

I focolai di variante Delta attualmente rinvenuti in Italia sono: 15 casi in set Disney in Sardegna, 24 a Piacenza e 44 a Torre del Greco, in provincia di Napoli. Molti sono asintomatici e altri già negativizzati. In Italia il 60% della popolazione ha ricevuto una dose, il 30% degli adulti ha completato il ciclo vaccinale e finora sono state somministrate 47.166.788 dosi con oltre il 30% della popolazione over 12 è immunizzato. I pediatri continuano infatti a raccomandare la vaccinazione per i giovani e la priorità resta proseguire a ritmo spedito con le vaccinazioni della popolazione.

speranza casi variante delta

Mario Draghi sulla variante Delta

Queste le parole del premier Mario Draghi, nel suo intervento alla Camera in vista del consiglio europeo:

“Ad oggi, nell’Unione Europea più di metà della popolazione adulta ha ricevuto almeno una dose di vaccino. In Italia la quota è quasi del 60% e circa il 30% della popolazione adulta ha completato l’intero ciclo di vaccinazione. I rischi legati alle varianti, e in particolare alla cosiddetta “variante Delta”, ci impongono di procedere nella campagna vaccinale con la massima intensità. Dobbiamo inoltre continuare a concentrarci sui soggetti più fragili, come i più anziani, che sono maggiormente a rischio di morte o di ospedalizzazione”.

speranza casi variante delta

“Stato di emergenza”: le parole del sottosegretario alla Salute Andrea Costa

Il sottosegretario alla Salute Andrea Costa ha sottolineato l’importanza dello stato di emergenza in correlazione alla campagna vaccinale, soprattutto a fronte delle preoccupazioni in merito alla variante Delta.

“E’ importante uscire dallo stato di emergenza. Sarebbe un segnale fondamentale per il Paese, per i cittadini e significherebbe un ulteriore segnale di ritorno alla normalità. Noi tutti ovviamente vogliamo uscire dallo stato di emergenza, ma è chiaro che lo stato di emergenza permette di avere una struttura commissariale che ci consente di gestire il piano vaccinale con un’efficienza maggiore. E quindi credo che sia ragionevole ipotizzare un prolungamento almeno fino a quando non sarà completato l’obiettivo dell’immunità di gregge, e magari verificare che cosa succederà a settembre-ottobre con eventuali varianti”.

 

Leggi anche:

Green Pass europeo Covid 19: cos’è e come ottenerlo

Ddl Zan Vaticano, legge contro il Concordato, richiesta modifica

Draghi e Speranza: grande tensione sul fronte “mix vaccini”

Se hai curiosità, consigli o vuoi saperne di più, contatta la nostra redazione:  info@mam-e.it

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *