biden
NEWS

Quali sono i primi provvedimenti di Joe Biden? I punti decisi per salvare il Paese

Novità USA: quali sono i provvedimenti presi da Joe Biden? Ecco quali sono i punti che ha deciso per salvare l’America

Oggi mercoledì 20 gennaio a Washington è il giorno dell’inaugurazione della presidenza USA di Joe Biden e la vicepresidente Kamala Harris. Dopo i quattro anni della presidenza Trump ed il rifiuto di quest’ultimo di riconoscere Biden legittimo vincitore, si attende ora l’attuazione del nuovo programma. Questa vittoria, arrivata grazie all’appoggio della Georgia ha provocato molte reazioni, come la rivolta di Capitol Hill. Ma lo staff di Biden si è già messo a lavoro, affermando che il presidente democratico firmerà i 17 ordini esecutivi che ribalteranno alcune politiche del predecessore Trump alla Casa Bianca.

“Agirà non solo per contrastare i danni più gravi inflitti dall’amministrazione Trump ma anche per iniziare a far andare avanti il Paese”.

biden
Joe Biden e la sua vice, Kamala Harris.

Tra le ultime notizie da Casa Bianca: i provvedimenti di Joe Biden che riguardano l’emergenza Covid-19

Priorità di Biden è ottenere dal congresso l’approvazione del pacchetto contro la pandemia di Covid-19. 1.900 miliardi di dollari per la lotta al Covid-19 e ai suoi effetti sull’economia degli Stati Uniti. Il piano di oggi comprende il progetto di amministrare 100 milioni di vaccini agli americani entro i primi cento giorni di presidenza. Priorità ribadita, infatti, da una delle prime uscite ufficiali di Joe Biden e Kamala Harris. Ieri sera presso il Lincoln Memorial 400 torce si sono illuminate, riflesse dalle piscine sottostanti, a simboleggiare i 400.00 morti per Covid-19 nel Paese.Ricordare per guarire“, un primo gesto subito in opposizione a quello di Trump: quest’ultimo ha da sempre negato la portata del virus, tralasciando il terribile bilancio delle vittime.

Sempre riguardo al tema sanità, altri provvedimenti saranno:

  • il ritorno degli Stati Uniti nell’Organizzazione mondiale della sanità; durante il 2020 Trump aveva già annunciato la sua intenzione di ritirarsi dall’OMS a maggio accusando l’organizzazione di aiutare la Cina a nascondere le origini del virus. Il ritiro formale era stato notificato e prevede gli USA fuori a partire dal 6 luglio 2021.
  • un provvedimento per chiedere agli americani di indossare per i prossimi 100 giorni le mascherine contro il contagio da coronavirus; la situazione è drammatica. Nelle ultime 24 ore ben 3 milioni di casi in California, con i contagi e le morti in perenne crescita. Gli Usa sono uno dei Paesi più colpiti dalla pandemia con 400.00 decessi per coronavirus fino ad oggi. Il numero totale di casi accertati è di 24.074.658.
biden
Biden e Harris sulla copertina del Time

Emergenza clima ed immigrazione: le proposte di Joe Biden

Altre decisioni del presidente per permettere una ripresa agli USA riguarderanno temi molto delicati, come clima ed immigrazione. Qui, al primo posto c’è il rientro negli accordi di Parigi sul cambiamento di clima. Su circa 200 nazioni che hanno partecipato agli accordi, impegnandosi a ridurre le emissioni di gas serra, gli Usa sono stati gli unici a tirarsi indietro, decisione presa da Donald Trump lo scorso 4 novembre 2020. E ciò è allarmante, se si pensa che gli Stati Uniti hanno emesso più monossido di carbonio nell’atmosfera di qualsiasi altro paese dall’inizio dell’era industriale (metà XVIII secolo).

Passiamo ora all’immigrazione. Tra i provvedimenti più importanti si segnalano:

  • verranno rimossi gli impedimenti all’immigrazione da molti paesi musulmani, imposti da Trump; Per questo punto occorre tornare al 2017. Al tempo col decreto firmato dal Presidente Usa Donald Trump fu vietato l’arrivo di cittadini di sette paesi musulmani (Iraq, Iran, Yemen, Libia, Siria, Somalia e Siria), sebbene fossero stati “salvati” i Paesi con cui la Trump Organization faceva. Tra questi ci sono Arabia Saudita, Egitto e Libano, da cui arrivarono anche alcuni terroristi dell’11 settembre 2001. 
  • una task force per riunire le famiglie al confine con Messico separate dalla repressione delle guardie di frontiera imposta da Trump; Il ritornello del “Build That Wall” lo ricordiamo tutti. Ma parte del “Muro della Vergogna” (così ribattezzato dai più), simbolo di separazione e chiusura mentale, è stato spazzato via da una forte volata di vento lo scorso 31 gennaio 2021. Un segno del destino?
  • un provvedimento per condurre in un periodo di otto anni alla cittadinanza undici milioni di persone che vivono negli Stati Uniti senza uno status di legalità.
biden
L’ex first lady Melania Trump e suo marito Donald Trump.

Ed infine, le decisioni economiche prese in atto

  • rimossi anche circa 100 provvedimenti di Trump che avevano cancellato i limiti posti da Obama all’influenza e le pressioni delle grandi aziende sull’amministrazione e all’indipendenza del Dipartimento di giustizia.
  • una task force per affrontare il problema dei senzatetto;
  • prevista anche la cancellazione dei tagli alle tasse per le grandi aziende imposti dalla precedente amministrazione. Anche qui bisogna tornare al 2017. Mentre il Dipartimento del Tesoro si preparava ad attuare la revisione fiscale repubblicana, i lobbisti delle grandi compagnie globali riuscirono a ottenere una riduzione quasi totale delle tasse da pagare negli Stati Uniti. Una detassazione ancora più estesa di quanto previsto dal disegno di legge.

 

NEWS: LEGGI ANCHE. Non perderti l’apertura con l’inno cantato da Lady Gaga e, a seguire, Jennifer Lopez: 

Inaugurazione Joe Biden: ospiti, programmi e aggiornamenti

Multa da 10 milioni a TicketOne: Claudio Trotta sul Secondary Ticketing

Comunità San Patrignano: indagine esclusiva, dati non concordi. E la macelleria.. 

Caso Genovese, le ultime dichiarazioni

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *