green pass obbligo
NEWS

Green Pass, obbligo esteso a milioni di lavoratori

Dal 10 ottobre l’obbligo di esibire il Green Pass sarà esteso a tutti i lavoratori di uffici pubblici, bar e sport. Restano per il momento in sospeso le aziende private.

Obbligo di Green Pass esteso ai lavoratori della Pubblica Amministrazione, oltre a quelli dei settori privati in cui è già previsto per i clienti. Si parla di bar e ristoranti, cinema e teatri, palestre e piscine, mezzi di trasporto a lunga percorrenza. Il Decreto Legge, cosiddetto “Super Green Pass“, è atteso tra mercoledì (convocazione della Cabina di Regia) 15 e giovedì 16 settembre (Consiglio dei Ministri) e, se approvato, entrerà in vigore a partire dal 10 ottobre.

Il Corriere della Sera precisa che il decreto estenderà l’obbligo di possedere la Certificazione Verde, che attesta l’avvenuta vaccinazione anti-Covid-19,  a tutti i dipendenti della Pubblica Amministrazione: Ministeri, Regioni ed enti locali, enti pubblici non economici, agenzie fiscali e autorità indipendenti.

Rimane invece in sospeso la decisione di estendere l’obbligo di Green Pass ai lavoratori delle aziende private. A tal proposito, è in corso una trattativa tra Confindustria e i sindacati, specie per quanto riguarda il costo dei tamponi per i lavoratori che non hanno intenzione di vaccinarsi. Si esclude, comunque, di renderli disponibili a prezzi calmierati, poiché verrebbe meno l’incentivo a vaccinarsi, promosso invece da Green Pass obbligatorio.

Giancarlo Giorgetti, Ministro dello sviluppo economico nel Governo Draghi e Vicesegretario federale della Lega, si dice favorevole a estendere l’obbligo di Green Pass a quante più categorie di lavoratori possibili. «Bisogna essere pragmatici, il Green Pass è una misura che serve». Rimane, invece, la resistenza del leader della Lega Matteo Salvini.

SUPER GREEN PASS: FAVOREVOLE IL GOVERNATORE FEDRIGA

L’opinione del leghista Massimiliano Fedriga, Governatore del Friuli e Presidente della Conferenza delle Regioni, in merito al Super Green Pass è netta. In collegamento questa mattina a Morning News, su Canale 5, Fedriga ha spiegato che l’obbligo di Certificazione Verde è l’unico strumento valido per evitare nuove chiusure: «Nuovi lockdown sarebbero insostenibili per il Paese. Dobbiamo dire con chiarezza che anche se una Regione dovesse passare in zona arancione o rossa, con il Green Pass bisogna tenere aperto. Se si passa in arancione, non si possono chiudere i ristoranti. Il Green Pass è uno strumento per tenere aperto e dobbiamo trovare un equilibrio sociale per tenere unito il Paese, dobbiamo accompagnarlo».

Qualche giorno fa, in merito all’obbligatorietà del Green Pass, Fedriga ha tuttavia ribadito la necessità di “mettere in campo delle misure praticabili perché il Green Pass deve essere visto dai cittadini come uno strumento utile e non una vessazione”; e sottolinea l’impossibilità di imporre il possesso di Certificazione Verde su mezzi di trasporto a breve percorrenza, come ad esempio gli autobus urbani.

LEGGI ANCHE:

Green Pass: ritirati tutti gli emendamenti

Vaccini, superato l’80% di italiani con prima dose

Green Pass scuola: Tar contro docenti: “Diritto a non vaccinarsi non è assoluto”

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *