donald trump 6 gennaio
NEWS

Donald Trump dopo il 6 gennaio non poté più usare il nucleare

Donald Trump non potè più accedere agli arsenali nucleari dopo l’assalto al Campidoglio del 6 gennaio. Lo rivela il giornalista Bob Woodward nel suo nuovo libro, Peril.

Dopo il 6 gennaio, Donald Trump non poté più accedere agli arsenali nucleari. Due giorni dopo l’assalto al Congresso, infatti, il generale Mark Milley predispose un piano per impedire che l’allora presidente Trump potesse ordinare un attacco militare o lanciare armi nucleari. A rivelarlo è il giornalista e saggista statunitense, Bob Woodward, che nel suo nuovo libro, Peril, spiega cosa successe negli USA dopo l’attacco del 6 gennaio a Capitol Hill.

Milley, Capo dello Stato Maggiore Unificato, era terrorizzato all’idea che Trump, furioso per la sconfitta alle elezioni, potesse organizzare un attacco nucleare; intraprese così un’azione segreta per far rimuovere il Presidente dagli arsenali nucleari. In ben due occasioni Milley si trovò a chiamare il suo corrispettivo cinese, Li Zuocheng, rassicurandolo sul fatto che “Non stiamo per attaccarvi“. Il generale si accordò quindi con gli altri capi militari, col capo della CIA e con quello della National Security: chiese sorveglianza a 360 gradi e si accertò che nessun ordine riguardante l’arsenale nucleare fosse preso in carico, a meno che lo stesso Milley non fosse coinvolto in prima persona.

A parlarne è proprio Woodward, il giornalista investigativo più famoso degli Stati Uniti: nel 1974 scrisse un libro sullo scandalo Watergate, che portò alla richiesta di impeachment dell’allora presidente Richard Nixon. Il giornalista torna a far parlare di sé con il suo nuovo libro, Perilin uscita il 21 settembre 2021. Scritto a quattro mani con Robert Costa, reporter del Washington Post, contiene quindi rivelazioni su Donald Trump e gli eventi successivi al 6 gennaio. Indubbiamente, uno dei momenti più cupi della Presidenza e della storia americane.

 

LEGGI ANCHE:

Trump torna al suo pugilato. Il racconto del pugile Gianfranco Rosi

Rivolta Capitol Hill: la guerra in USA che, per ora, conta 5 morti e 52 arresti

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *