costituzione polacca diritto europeo: Von der Leyen e Morawiecki
NEWS

Costituzione polacca VS diritto europeo: scontro tra Von der Leyen e Morawiecki

Polonia dice no al centrismo Europeo: la corte costituzionale polacca sostiene la superiorità della propria costituzione sul diritto europeo

Nell’ultima plenaria a Strasburgo, la corte costituzionale polacca ha affermato il prevalere della costituzione polacca sul diritto europeo. Ursula Von der Leyen al ministro polacco Mateusz Morawiecki ha risposto: “agiremo contro questa minaccia ai valori dell’Ue: no ai fondi del recovery senza la riforma della giustizia”

Intervento di Mateusz Morawiecki

L’intervento del primo ministro polacco, Mateusz Morawiecki, si è basato proprio sul prevalere dello Stato sull’Unione comunitaria. Morawiecki dopo aver elogiato l’Unione europea in quanto solida organizzazione, ha affermato che, tuttavia, non è uno stato; lo sono invece i suoi stati membri, che quindi dovrebbero essere sovrani al di sopra dei Trattati. Per rafforzare la posizione e l’importanza degli stati europei, in quanto membri attivi dell’organizzazione, il premier si è appellato al ruolo svolto dal suo paese durante la Seconda Guerra mondiale e la Guerra fredda.

Von der Leyen risponde : “non permetteremo che i valori Ue siano messi a rischio”

A seguito della sentenza della corte costituzionale polacca, Ursula Von der Leyen ha dichiarato che quest’ultima metteva a rischio i valori e il diritto dell’unione europea e ne sfidava la sua gerarchia giuridica. La Von der Leyen ha quindi affermato di essere pronta a tagliare i fondi del Recovery Fund destinati alla Polonia.

Morawiecki: “respingo la lingua delle minacce e del ricatto”

Morawiecki subito è partito al contrattacco, rimanendo fermo sulla sua visione riguardo al primato del diritto nazionale. Il premier polacco, inoltre, si è schierato contro la minaccia avanzata dalla Von der Leyen:” le regole del gioco devono essere uguali per tutti. Non è ammissibile che si parli di sanzioni. Respingo la lingua delle minacce e del ricatto”.

Morawiecki parlamento europeo contro Von der Leyen
Morawiecki parlamento europeo contro Von der Leyen

Diverse reazioni tra i gruppi parlamentari: socialisti e democratici contrari, conservatori e riformista a favore

Il presidente del Ppe, Manfred Weber, ha detto rivolgendosi al premier polacco, che ” chi rifiuta il primato dell’Ue di fatto si defila dall’Ue, avvicinandosi alla Polexit. Non ci sono europei positivi e non ci sono europei negativi. Lei spacca la Ue, la indebolisce. con questa imposizione non andiamo da nessuna parte, anzi lei sta facendo il gioco di Putin quindi la smetta per cortesia”.

La presidente Iratxe Garcia Perez ha assunto una posizione simile a quella dei Socialisti e Democratici, affermando che, “in questo parlamento non possiamo stare zitti. La Polonia è molto di più del PiS (il partito attualmente al governo). Sono i cittadini che poi soffrono per le derive autoritarie dei loro capi. E noi non lasceremo soli quei cittadini”

A sostegno di Morawiecki sono invece intervenuti i rappresentanti del gruppo di Conservatori e Riformisti, in particolare l’eurodeputato Ryszard Legutko ha affermato:”il parlamento europeo è un’istituzione governata da una coalizione di sinistra sempre più radicale, che cerca di applicare la sua visione di sinistra. Il Parlamento europeo non capisce la decenza ed esclude certi gruppi attraverso un cordone sanitario, neutralizzando una parte dell’opposizione, ed è riuscito a creare la tirannia della maggioranza che controlla tutto”.

Leggi anche:

Bruxelles verso una procedura d’infrazione contro l’Ungheria

Lgbtq+: La Commissione Ue avvia due procedure d’infrazione contro Ungheria e Polonia 

UE USA, l’accordo anti-Cina è l’inizio di una nuova era

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *