CORONAVIRUS – AGGIORNAMENTO CON GLI ULTIMISSIMI DATI DI OGGI 23 MARZO

CORONAVIRUS – AGGIORNAMENTO CON GLI ULTIMISSIMI DATI DI OGGI 23 MARZO

I dati aggiornati al 23 marzo – coronavirus

CORONAVIRUS – DATI DEL 23 MARZO: 3780 CONTAGIATI, 408 GUARITI E 602 MORTI NELLA GIORNATA DI OGGI

Il numero di contagiati attuali è di 50418, un incremento di 3780 nella giornata di oggi. Oggi ci sono stati 408 guariti portando il totale a 7423. I decessi sono aumentati di 602 unità. Tra le persone ricoverate in ospedale, 3204 sono in terapia intensiva (6%) mentre 26522 sono in isolamento fiduciario a casa.

coronavirus dati 23 marzo
Coronavirus dati 23 marzo della Protezione Civile

Resoconto della scorsa settimana

59138 i casi totali dall’inizio del contagio. Le restrizioni del governo iniziano però a funzionare. La curva di incremento percentuale delle infezioni totali, sempre a livello nazionale, scende dal + 13,9 al 10,3%. Salgono ancora i numeri dei ricoverati nelle terapie intensive, con 3.000 pazienti di ieri contro i 2.857 di sabato. Ma questo purtroppo è un numero che vedremo salire ancora nei prossimi giorni, fino a una reale inversione di tendenza della curva dell’epidemia.

I dati più importanti per quanto riguarda la settimana scorsa fanno riferimento al numero di nuovi contagiati giorno per giorno. Lunedì 16 marzo, martedì 17 e mercoledì 18 i valori si sono mantenuti su una media di 3000 unità al giorno. Un grande cambiamento vi è stato giovedì 19, venerdì 20 e sabato 21 quando il numero ha raggiunto prima i 4480, poi i 4670 e infine i 4821. Valori molto alti ma che ci si aspettava nell’attesa di raggiungere il picco del contagio a partire dal quale i valori cominceranno a decrescere. In merito a questo è importante la giornata di domenica dove i contagi nuovi sono scesi di quasi mille unità arrivando a 3957.

Nella giornata di ieri 22 marzo (a questo link tutte le informazioni dettagliate: CORONAVIRUS: ECCO GLI ULTIMI DATI AL MOMENTO DI OGGI 22 MARZO) i dati sono in leggero miglioramento. Non solo per quanto riguarda i contagi ma anche per i deceduti (793 sabato e 651 domenica) e i guariti, quasi mille.

Considerazioni sui dati di ieri rispetto al resto della settimana

Franco Locatelli, direttore del Consiglio superiore di sanità: “Non vogliamo farci prendere da facili entusiasmi né sopravvalutare una tendenza”, ma il calo del numero giornaliero di contagi è “un segnale che cogliamo soprattutto perché comincia ad avvicinarsi alla distanza temporale a cui ci aspettiamo di vedere i segni tangibili dell’efficacia delle misure intraprese”.

Angelo Borrelli, capo della Protezione Civile: “I numeri di oggi sono minori rispetto a quelli di ieri, mi auguro che questi numeri possano essere confermati. Non bisogna abbassare la guardia, tenere le misure adottate e rispettare le indicazioni anche del provvedimento del governo».

Giulio Gallera, assessore al Welfare: “sono dati come al solito in chiaroscuro, ma oggi più chiaro che scuro, anche se non cantiamo vittoria”.

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Eleonora Reggia
Articoli dell'Autore / Eleonora Reggia

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>