calabria gaudio
NEWS

Caos in Calabria: anche Eugenio Gaudio rinuncia all’incarico di commissario alla Sanità

Caos in Calabria: dopo solo un giorno anche Eugenio Gaudio rinuncia all’incarico di commissario alla Sanità

Calabria – Gaudio

È ancora caos in Calabria, dove da settimane si cerca la stabilità nel servizio sanitario, già messo in difficoltà per le condizioni in cui si trovano gli ospedali. Per la regione sta risultando molto complicata la gestione dell’emergenza da Covid-19.

Infatti, nel corso di sole due settimane sono stati nominati due nuovi commissari alla Sanità. Il primo di questi è Giuseppe Zuccatelli, che ha sostituito nel suo ruolo Saverio Cotticelli.

Zuccatelli, però, a distanza di una sola settimana ha presentato le dimissioni soprattutto per colpa di un video risalente al maggio scorso che screditava la sua credibilità. È stato lo stesso Roberto Speranza, Ministro della Salute, a chiamare Zuccatelli e invitarlo a fare un passo indietro a causa delle polemiche sollevate contro di lui.

Così Palazzo Chigi ha deciso il 16 novembre di assegnare l’incarico a Eugenio Gaudio, ex rettore dell’Università La Sapienza di Roma. Questa nomina non è piaciuta molto al Movimento 5 stelle, che avrebbe puntato sulla figura di Gino Strada, che aveva già dimostrato la sua disponibilità al governo per aiutare nella sanità calabrese.

Dopo la nomina di Gaudio, Strada ha sottolineato il fatto che non esistesse alcun tipo di tandem tra loro due. Attraverso un tweet, il fondatore di Emergency si è definito “a disagio in una situazione in cui si parla di qualcosa che ancora è da definire”, ma rinnova la sua disponibilità al governo per progetti concreti con Emergency per fronteggiare l’emergenza sanitaria.

calabria gaudio
Gino Strada.

Anche Eugenio Gaudio ha rinunciato all’incarico di commissario della Sanità in Calabria

Dopo neanche 24h dalla sua nomina, Eugenio Gaudio ha rinunciato al nuovo incarico. La notizia è arrivata nel primo pomeriggio del 17 novembre. Sembra che Gaudio sia rimasto molto amareggiato dal trattamento ricevuto nei suoi confronti e dai continui attacchi ricevuti nella serata di lunedì 16 novembre.

Infatti, l’ex rettore è attualmente ancora indagato dalla procura di Catania per una maxi inchiesta sui concorsi presso l’Università della città siciliana. L’indagine era scoppiata nel giugno dell’anno scorso ed era composta da una serie di filoni diversi. Quello che vedeva al centro Gaudio si è chiuso l’estate passata e i suoi legali hanno anche già chiesto l’archiviazione per il loro assistito. La procura assumerà un provvedimento formale dopo aver valutato la posizione degli indagati nelle prossime settimane.

calabria gaudio
Eugenio Gaudio.

La nomina di Gaudio, per questo motivo, non era piaciuta tra gli uomini della maggioranza al governo. Nicola Morra, presidente della commissione Antimafia, ha detto a questo proposito: «Gaudio sarà una persone validissima, ma in Calabria non va bene per molti motivi, tra cui la necessità di combattere le infiltrazioni mafiose nelle aziende sanitarie».

Ma tra i motivi che hanno spinto Gaudio a rinunciare all’incarico ci sarebbe anche una questione familiare. Egli ha spiegato che la moglie non ha intenzione di trasferirsi nella città di Catanzaro, e per lui la famiglia ha la priorità assoluta su tutto. «Avrei voluto affrontare questa sfida ed io mi sono sempre messo a disposizione del servizio pubblico. Ma ho trovato resistenze da casa e a questo mi piego. L’ho comunicato per tempo al ministro Speranza» ha dichiarato Gaudio.

Si torna al punto di partenza

È così che dunque si torna al punto di partenza. La Calabria continua a rimanere senza una figura di riferimento per il sistema sanitario, e ciò aggrava la situazione di emergenza causata dalla seconda ondata di contagi da Covid-19.

Ora l’attuale governatore reggente della regione, Nino Spirlì, spera che il Governo si faccia avanti per lavorare il più possibile in maniera unitaria e arrivare ad un punto definitivo sulla gestione della sanità calabrese.

Leggi anche:

Report: l’inchiesta che svela i segreti sul vaccino italiano anti-Covid

Il Covid-19 non ferma lo shopping natalizio: previsto boom delle vendite online

Il virologo Burioni torna in tv e spiega il vaccino contro il Coronavirus

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *