SUSTAINABLE THINKING: MOSTRA A MUSEO FERRAGAMO

SUSTAINABLE THINKING: MOSTRA A MUSEO FERRAGAMO

Sustainable Thinking, la mostra a Museo Ferragamo che ripercorre il sodalizio storico tra moda e sostenibilità

Moda e sostenibilità in mostra a Museo Ferragamo di Firenze con la retrospettiva “Sustainable Thinking”.

Fino a domenica 8 marzo 2020, presso Museo Ferragamo sarà possibile visitare il percorso narrativo che indaga sul legame tra moda ed eco-sostenibilità.

Intreccio che fonde, talvolta, l’alto artigianato italiano del Novecento ai tentativi odierni di salvaguardia del pianeta.

Sustainable Thinking, sandalo rainbow uncinetto
Sandalo Rainbow by Salvatore Ferragamo realizzato con uncinetto

Un heritage, quello di Salvatore Ferragamo, che ben combina stile unico, ricercatezza e innovazione.

Grazie a Stefania Ricci – direttore di Museo Ferragamo e di Fondazione Ferragamo – sarà possibile, infatti, individuare i lemmi del linguaggio della moda strettamente connessi ad un savoir-faire che difende l’ecosistema. Come? Attraverso l’esposizione di opere fashion realizzate anche da designer internazionali, sul tema del recupero.

L’imprenditore italiano, di fatti, fu il primo a interessarsi concretamente alla ricerca di materiali inediti che fungessero non solo da polo innovativo ma che fossero anche da esempio per le generazioni future.

Eredità che oggi accomuna molti designer, stretti nell’ideologia che la moda sostenibile possa preservare la salute del pianeta.

Tra i nomi altisonanti del fashion biz – come Stella McCartney e Vivienne Westwood – occorre menzionare il giovane Tiziano Guardini, l’eco-designer vincitore del Green Carpet Fashion Awardsqui, l’intervista-.

Scatto mostra Sustainable Rainbow
Uno scatto della mostra

Ferragamo fu un pioniere della moda eco-friendly. Utilizzò canapa, pelle di pesce e cellofan per recuperare un rapporto agli antipodi come quello tra mercato usurante della produttività industriale e natura.

Omaggio al grande Salvatore Ferragamo

L’economia circolare sviluppata dall’imprenditore italiano sarà in mostra con “Sustainable Thinking” proprio per esplorare le antiche tecniche dell’artigianato e l’arte del riciclo.

L’esposizione, realizzata anche grazie al contributo di Giusy Bettoni, Arabella S. Natalini, Marina Spadafora e Sara Maino, intende confrontarsi con un pubblico ampio; si prefigge, inoltre, l’obiettivo di far riflettere il visitatore su un tema scottante come quello della sostenibilità.

Museo Ferragamo: come arrivare

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>