Logo Supreme
Moda

SUPREME, LA CONTRAFFAZIONE DANNEGGIA IL BRAND

Arriva da New York la stoccata all’Italia: Supreme danneggiato per milioni di dollari a causa della contraffazione

Supreme potrebbe rallentare il suo piano di crescita a causa di alcuni contraffattori nostrani.

Sì, il monito viene proprio da New york, metropoli che ha dato i natali al marchio da 1 miliardo di dollari.

Non è uno scherzo. I dati forniti da BoF giungono proprio dalla polizia italiana interessata, da alcuni mesi, all’operazione “Golden Brand”.

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ancona, coordinati dalla locale A.G. hanno scovato alcuni covi dove erano stati nascosti capi di Supreme e THRASHER, per un valore stimabile di 10 milioni di euro.

L’operazione è stata condivisa da diverse regioni italiane tra le quali figurano anche Marche, Puglia, Sicilia, Emilia Romagna, Campania, Lazio, Veneto, Toscana, Trentino alto Adige e Lombardia.

Ritratto James Jebbia
James Jebbia, fondatore di supreme

Come diramato dal Sistema Informativo Anticontraffazione: “venivano prodotti in distretti specializzati nel settore manifatturiero italiano e/o importati da Cina e Albania“.L’indagine ha consentito, inoltre, di venire a capo di un mercato parallelo ancor più florido con l’esportazione della merce contraffatta in Spagna, Regno Unito e Repubblica di San Marino.

I 700.000 capi sequestrati dalle nostre fiamme gialle non sono altro che il frutto del successo del marchio; una sorta di rovescio della medaglia che rischia di porre una forte crisi economica all’interno della griffe.

A commentare l’insidia è fondatore della griffe James Jebbia che si dice preoccupato da questi continui atti criminali ai danni di Supreme.

Ai microfoni di Business Of Fashion, dichiara: “Non penso che un’altra azienda abbia dovuto affrontare questo come noi […] La gente dovrebbe sapere che l’idea dei falsi legali è una farsa completa. Sarebbe triste se la nuova generazione pensasse che in realtà è legittima“.

A far temere di più è il danno d’immagine. Soprattutto ora che il marchio si appresta ad entrare nel mercato cinese.

Altri problemi per il marchio statunitense

Un’altra tegola è l‘affaire IBF VS Supreme.
È ancora in atto il contenzioso tra il marchio newyorkese e Supreme Italia (regolarmente registrato nel nostro Paese) per l’esclusività del nome.

Un legal fake, come molti insinuano, che potrebbe danneggiare ulteriormente la reputazione di Supreme.

Leggi anche

Louis Vuitton Cruise 2020 al TWA Flight Center di New York

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *