DIETRO LO STILE DI PENG LIYUAN? C’È MA.KE

DIETRO LO STILE DI PENG LIYUAN? C’È MA.KE

Chi c’è dietro lo stile di Peng Liyuan? Una designer semisconosciuta ora alla luce della ribalta con la first lady cinese

Durante la breve sosta in Italia, la first lady cinese ha esibito uno charme invidiabile. Ma chi c’è dietro lo stile di Peng Liyuan?

A curare l’immagine della soprano, sposa del Presidente cinese Xi Jinping, è Ma.Ke: una stilista laureatasi nel prestigioso Sozhou Institute of Silk Textile Technology, nel 1992.

Al Corriere della Sera, rivela: “La moda è arte e cultura sociale di un Paese. E lo stile di una first lady può influenzare i valori di un popolo. Così cerco di diffondere i valori tradizionali cinesi attraverso il design del brand WuYong“.

Ed è proprio da queste parole che possiamo tradurre lo stile di Liyuan: austero, elegante e politically correct.

Colletto cinese (o alla coreana), abiti ben calibrati e capispalla formali, il tutto intinto da colori pastello con una tavolozza di colori dove predominano il cammello, il bianco e il grigio.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ma.ke

MA.Ke, che cura l’immagine della prima donna della Cina, è la prima stilista cinese a debuttare durante le passerelle della Paris Haute Couture.

Il suo marchio d’Alta Moda fonda le sue radici sull’ecosostenibilità e sulla concretezza. Nell’epoca del consumismo, infatti, la designer si pone come voce fuori dal coro traendo ispirazione dalla quotidianità. “Il business genera cose false, ma la vita non è così“, dichiara in una recente intervista.

La stilista cinese Ma.Ke
Ma.ke

La stilista, infatti, preferisce la campagna alla città, il silenzio alla vita frenetica delle metropoli: confrontarsi con le popolazioni che abitano i villaggi sperduti della Cina piuttosto che perder prezioso tempo dietro la tecnologia.

“L’economia cinese ha avuto una rapida crescita con problemi sociali: inquinamento, sicurezza alimentare, concorrenza sleale – commenta ai microfoni del Corriera della Sera. I villaggi si sono svuotati dall’urbanizzazione, con disparità economiche sempre più marcate”.

WuYong (che tradotto in italiano significa inutile) è stato fondato nel 2007 e si serve esclusivamente di manodopera artigianale. Tutte le fasi di produzione (tra cui filatura, tessitura, tintura e cucito) vengono realizzati interamente dal suo team.

Per tal motivo, lo stile di Peng Liyuan trasmette i valori tradizionali della sua terra. La donna, infatti, diventa l’emblema di una cultura millenaria che si fa largo, in Occidente, attraverso un abbigliamento composto e promotore di una maggiore consapevolezza alla sostenibilità.

Leggi anche

Dolce & Gabbana, schiaffo morale alla Cina

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>