Mame Moda Rushemy Botter e Lisi Herrebrug al timone di Nina Ricci. Botter e Herrebrug
Moda

RUSHEMY BOTTER E LISI HERREBRUGH AL TIMONE DI NINA RICCI

Rushemy Botter e Lisi Herrebrugh sono stati nominati direttori creativi di Nina Ricci

Dopo mesi di incertezze, maison Nina Ricci ha i suoi direttori creativi. È notizia di pochi istanti fa che Rushemy Botter e Lisi Herrebrugh sono stati chiamati a sostituire Guillame Henry che aveva lasciato la griffe tra le polemiche (qui la notizia che abbiamo lanciato lo scorso marzo).

Mame Moda Rushemy Botter e Lisi Herrebrug al timone di Nina Ricci. Botter
Un look del marchio Botter

Il divorzio tra lo stilista francese e l’azienda sarebbe da ricondurre al mancato interessamento di Puig a investire nella linea prêt-à-porter.

Rushemy Botter e Lisi Herrebrugh sono co-fondatori di Botter, marchio giovane e intraprendente che, nel 2018, ha vinto il Grand Prix 2018 (qui, la notizia).

Rushemy Botter è nato a Caraçao ma è cresciuto ad Amsterdam. Durante gli studi presso Arnhem ha forgiato la tecnica di modellistica e figurino. In seguito, si è specializzato presso la Royal Academy of the Hague. La sua voglia di acquisire maggiore competenza nel settore lo ha spinto a concludere gli studi presso la Royal Academy of Fine Arts di Anversa.

Durante gli studi ha ricevuto il premio IFF (International Fragrances e Flavors) e VFiles Runway 7.

Il brand Botter è stato lanciato con la compagna Lisi Herrebrugh che ha vissuto la sua vita facendo spola tra l’Olanda e la Repubblica Dominicana.

Lisi ha studiato presso l’Amsterdam Fashion Institute, laureandosi con lode. Durante gli studi ha avuto modo di applicare le sue conoscenze acquisite sui testi di scuola presso l’atelier di Viktor & Rolf, lavorando sulla collezione Haute Couture.

La loro creatività e giovane e acerba, contraddistinta da un uso improprio degli accessori che, in passerella, ricalcano l’idea stessa della collezione.

Per analizzare il loro stile, agli antipodi con Nina Ricci, basta rileggere la collezione “Fish or Fight“, vincitrice del Premio Dries Van Noten.

Il corpus della collezione è il colore che si anima su silhouette scomposte, confuse, over.

Ne fa seguito, “Al Fombra“, nel quale focus rivive la Repubblica Dominicana e Caraçao, con il loro mare, i loro isolani e folklore tipico di questi posti paradisiaci spesso protagonisti di povertà assoluta.

 

La voce Nina Ricci è consultabile sul Dizionario della Moda di MAM-e.it

L’inarrivabile maestria tecnica di Nina, la sua visione dell’eleganza che non deve prevaricare la personalità della donna, fanno il resto. Nasce dunque la Nina Ricci e sarà un successo immediato: anche se la maison veste alcune celebri attrici come Danielle “Darrieux” e Micheline Presle, si rivolge alle donne della borghesia con modelli impeccabili e destinati a durare ma a prezzi moderati.”

Read More

 

 

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!