,

INFLUENCER: UN BUSINESS DA MILIONI DI DOLLARI

INFLUENCER: UN BUSINESS DA MILIONI DI DOLLARI

Influencer, la pubblicità dei marchi passa da Instagram

I dati parlano chiaro, gli influencer sarebbero i promotori principali delle grandi firme.

Questo è quanto è stato rilevato da The States of the Influencer Marketing di Klear.

Instagram sarebbe a tutti gli effetti un vero colosso del business con una crescita attestata al 198%.

Il think tank L2 (società di ricerca e business intelligence che valuta le competenze digitale dei marchi di consumo) ha dichiarato che questo sistema attirerà almeno 2 miliardi di dollari in investimenti entro il 2019.

A parlare di questo fenomeno è Gil Eyal, fondatore du Hypr – agenzia leader al mondo dell’influencer marketing con un catalogo di più di 10 milioni  di profili – dichiarando: “Prima i  brand erano soddisfatti con due influencer da 2 milioni di follower l’uno, ma ora preferiscono 20-20 influencer con meno follower”.

L’intervista rilasciata a Forbes chiarifica l’aumento di questa tendenza.

Nel 2016 gli hashtag #ad (abbreviazione di advertisement) e #sponsored erano stati generati nel 60% dei post mentre lo scorso anno si sono attestati al 90%.

Influencer
L’84% degli influencer è donna

Ma chi è l’influencer?

L’influencer medio si occupa principalmente di moda e beauty ma la tendenza toccherebbe anche i globetrotter e i foodblogger.

L’84% degli influencer sono donne di età compresa tra i 18 ai 34 anni. Sono prevalentemente fashion e beauty blogger contattate da aziende per “sponsorizzare, dietro compenso, il proprio prodotto.

Qual è il loro tariffario?

Secondo Fabio Betti, fondatore di 2mutchTV (agenzia che fa da intermediario tra brand e influencer), i “piccoli influencer” da 100k follower guadagnerebbero da 0 a 500 euro a collaborazione, i “medi” (con 500k follower) da 500 a 5000 mila euro e i “grandi” (con oltre 1 milione di seguaci) dai 2.500 ai 10.000 euro.

Questa realtà, che non è più “virtuale” e che ha surclassato le ADV, celerebbe però delle insidie.

Fabio Mazzocca, presidente dell’agenzia di digital PR WakeUp, ha dichiarato:  “L’influencer deve sempre sembrare autonomo nelle sue scelte: le marchette troppo palesi lo danneggiano[…]D’altro canto, questo ormai è un business: nella mia esperienza, è raro che qualcuno si rifiuti di promuovere un prodotto”.

 

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Meet the author / Stefania Carpentieri

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>