PROROGATA LA MOSTRA DIOR A LONDRA

PROROGATA LA MOSTRA DIOR A LONDRA

Visite da record per Dior: gli organizzatori costretti a prorogare la mostra a Londra

Successo senza precedenti per la mostra Dior a Londra. Gli organizzatori dell’esibizione, infatti, dopo aver registrato sold out dei biglietti nelle prime settimane a precedere dell’esposizione, prorogano “Christian Dior: designer of dreams“.

Sapevamo che sarebbe stata un successo, ma siamo stati travolti dal responso del pubblico“, afferma Tristum Hunt, direttore del Victoria & Albert di Londra. “Siamo felici di poter prorogare la durata della mostra per permettere al maggior numero possibile di persone di vederla”, conclude.

Abito principessa Margaret in esposizione alla mostra Dior
In primo piano, l’abito fiabesco indossato dalla principessa Margaret per il suo 21° compleanno

Numeri da record per la mostra dedicata al “dittatore garbato della moda“, Christian Dior. A vedere il ricco apparato creativo del designer nativo di Graville, oltre 122.000 visitatori.

La mostra, organizzata a stretto contatto con la Maison che ha fornito gli archivi storici, vanta ben 200 abiti creati dal couturier e dai sei stilisti che lo hanno seguito dopo la sua dipartita.

Per il Victoria & Albert di Londra, si tratterebbe senza precedenti dopo l’esposizione dedicata ad Alexander McQueen nel 2015.

Fino al prossimo 1° settembre, i visitatori potranno constatare il rapporto fiorente tra la Maison francese e lo stile British; unione tradotta da innumerevoli fonti come i giardini inglesi, i transatlantici britannici e le clienti inglesi come Nancy Mitford e Margot Fonteyn.

In esposizione, inoltre, anche l’abito indossato dalla principessa Margaret per il suo 21° compleanno.

Nelle teche non mancano, infine, oltre 500 oggetti che raccontano i fasti della griffe a capo del gruppo di lusso francese LVMH. In esposizione anche i primi profumi e trucchi Dior, filmati d’epoca e disegni originali.

La sfida, ad ogni modo, è superare le 708 mila visite ottenute con l’eponima mostra parigina.

Le stime iniziali e i numeri raggiunti in un solo mese – la mostra ha aperto i battenti lo scorso 2 febbraio 2019 – rendono ottimisti gli organizzatori.

La voce Dior è consultabile sul Dizionario della Moda di MAM-e.it

“La morte della madre ed il fallimento dell’azienda paterna, gli cambiarono la vita, rendendo la sua giovinezza tormentata.

Nel ’34 si ammalò seriamente di tubercolosi. Dopo un anno di convalescenza in Spagna, tornato a Parigi, cominciò a collaborare alle pagine di moda del settimanale Le Figaro Illustré. Inoltre si cimentò con il disegno di cappelli, iniziando a vendere schizzi di abiti e di accessori a diverse case di moda.”

Leggi di più

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>