,

NUMERO00 MILANO MODA UOMO 2019

NUMERO00 MILANO MODA UOMO 2019

Il brand di abbigliamento Numero00 ha sfilato oggi a Milano. L’evento è stato il debutto in passerella del brand. “È un’emozione incredibile, la più bella della mia vita. Il sogno di chiunque dopo aver studiato moda è di arrivare a sfilare” ha dichiarato il fondatore del marchio Valerio Farina.

Numero00 nasce nel 2010 ideato da Farina e da suo cugino Andrea. Se dapprima i due si concentrano principalmente sulla realizzazione di t-shirt, a partire dal 2012 iniziano a progettare una vasta gamma di prodotti.

LA COLLEZIONE NUMERO00 A MILANO

Il nome della collezione è “Confused” poiché vuole rappresentare una rottura con le regole classiche della moda, una sperimentazione stilistica in libertà. “Rappresenta ciò che sono io“, spiega Farina, “Ed è l’idea di un ragazzo che ama vestirsi come vuole, indossando un pantalone acetato con un blazer elegante, oppure un pantalone in velluto con una felpa in pile da montagna”.

L’ispirazione viene dal mondo della musica, molto importante per lo stilista. C’è un forte legame con la scena techno e underground, con la gioventù notturna che ama la comodità.

Un’altra fonte di ispirazione per la sfilata è poi la montagna, come suggerisce l’invito allo show, a forma di skipass.

I CAPI

In passerella hanno sfilato capi sportivi e giovani, ispirati allo streetwear. Le felpe oversize, si sono alternate ai giubbotti imbottiti, ai pantaloni comodi e alle immancabili sneakers. I colori sgargianti, invece, si sono mescolati a quelli più scuri.

I tessuti utilizzati sono vari e spesso particolari. Mostrano come nella moda sia possibile osare trasgredendo alle regole classiche. Nascono quindi camicie in tessuto tecnico e felpe in velluto in un mix ispirato alle nuove generazioni.

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Elisabetta Moro
Articoli dell'Autore / Elisabetta Moro