Missoni FW 2021: postcard from Varese, apre la MFW

Missoni FW 2021: postcard from Varese, apre la MFW

La collezione Missoni FW 2021 apre, virtualmente, la Milano Fashion Week. È tempo di ritrovare i valori perduti

Stop. Fermati e rifletti. Quale memoria vorremmo far riemergere dal passato? Chi siamo stati, noi, un tempo? Interrogativi che ci poniamo dinanzi al progetto Missoni FW 2021: un paio di scatti, Vittoria e una conversazione che sa di speranza.

È un backstage che ricorda l’autunno. L’odore di stantio e di libertà che emanano i vicoli che guardano giù, sotto la collina. La pietra che inizia a ricoprirsi di muschio e l’afa settembrina che cala sulle città. #PostCardsFromMissoni oppure #PostCardsFromVarese, non fa differenza.

https://www.instagram.com/p/CFeSrYgqe5H/?utm_source=ig_web_copy_link

Angela Missoni ripercorre, con il progetto, una storia di italianità e tradizione: quella di Missoni. Ai piedi del Sacro Monte di Varese, luogo di pellegrinaggio che si erge sui monti, composto da 14 cappelle e che dal 1604 è meta di devoti e pellegrini.

La storia della griffe italiana è consultabile sull’Enciclopedia della oda di MAM-e.it

Qui parte la narrazione. Una conversazione tra Angela e Angelo Flaccavento, in diretta Instagram per presentare la Missoni FW 2021. “La domanda che mi chiedevo da tempo era per chi stessi sfilando”, si interroga la stilista. “Come è possibile che le pre-collezioni che fatturano il 70% della stagione, per alcuni addirittura l’80%, siano vendute negli showroom senza bisogno di défilé? Siamo abituati a investire su un progetto che in realtà è diventato sempre più di comunicazione, in un mese sbagliato. Così si finisce per mandare un messaggio confuso al grande pubblico, sicuramente fuori sincrono”.

https://www.instagram.com/p/CFeRJidKE9i/?utm_source=ig_web_copy_link

Già, e allora perché questa presa di coscienza? Occorreva fermarsi dinanzi alla furia incontrollabile di un virus che ha messo al collasso l’intera economia globale? Una pandemia che rischia di decimare l’intera popolazione globale?

L’assenza dei buyer internazionali pesa sulle presentazioni milanesi

Quando ritorneremo alla normalità? Si chiedono in molti. Quanto sia giusto presentare in digitale una collezione che, per essenza, dovrebbe cogliere l’attenzione del pubblico, dal vivo? Lo spiega, con un po’ di sotterfugi, Angela, che sottolinea la gravosa assenza di buyer internazionali: “Era scontato che in questo settembre non si sarebbe potuto ottenere un risultato, qualsiasi cosa si fosse organizzata dal vivo. Poi, in futuro, quando buyer e stampa internazionali torneranno a popolare le fashion week, sicuramente avrò un progetto che dovrà coinvolgere emozionalmente sul mio brand. E cercherò di lasciare un segno”.

PostCardsFrom Italy: la storia della griffe nel nuovo progetto firmato da Angela Missoni per la collezione Missoni FW 2021

Vittoria Ceretti ed Edoardo Sebastianelli sono i protagonisti di questa storia tutta italiana. C’è il “fiammato” di Missoni, gli iconici zig zag e anche il lurex. Una cartolina ci giunge da Varese: nostalgica visione di un futuro che ritornerà più florido di prima.

 

Leggi anche

 

Calendario Ufficiale Milano Fashion Week

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>