,

Milano moda uomo: la prima Digital Fashion Week. Cosa aspettarsi

Milano moda uomo: la prima Digital Fashion Week. Cosa aspettarsi

Tutto pronto per la Milano Moda nel format digitale

La Camera Nazionale della Moda Italiana è pronta per la sua prima edizione della Milano Digital Fashion Week, programmata dal 14 al 17 luglio. Attraverso eventi e sfilate che si terranno online e in streaming, le case di moda presenteranno le loro collezioni uomo e le pre-collezioni donna per la stagione primavera-estate 2021. I brand che parteciperanno saranno 37. Torneranno anche i grandi nomi, da Gucci a Prada fino a Etro e Dolce & Gabbana. Questi ultimi, però, faranno sfilare gli abiti in passerella per un ristretto gruppo di persone, trasmettendo live contemporaneamente.

In un comunicato stampa, Carlo Capasa, presidente di CNMI, spiega che “Digital Fashion Week nasce come risposta al distanziamento sociale ed alla difficoltà di viaggiare imposta dalla situazione sanitaria mondiale ma vuole anche essere una soluzione dinamica alle complessità del presente”. Inoltre, aggiunge che questa nuova modalità sarà un’ulteriore opportunità per avvicinarsi al mondo dei giovani.

Per la creazione della piattaforma digitale, CNMI si è rivolta ad Accenture, impresa leader nella creazione di sistemi digitali, e di Microsoft, che ha supportato lo sviluppo dell’hub. Le due aziende hanno unito le forze per dar vita a questa realtà per permettere al settore di guardare a un nuovo futuro per la moda. CNMI si è ulteriormente avvalsa della consulenza di PwC.

Milano Digital Fashion Week

Organizzazione della Milano Uomo Digital Fashion Week

Gli appuntamenti copriranno l’intera giornata, 24 ore su 24 permettendo, così, ai Paesi con fusi orari diversi di poter usufruire al meglio della piattaforma. Infatti, sarà proprio il The New York Times lo streaming partner ufficiale della Milano Fashion Week.

Ogni brand avrà uno slot durante il quale dovrà presentare le proprie proposte per la prossima stagione nel modo più vicino alla natura del brand.

Le sfilate, però, non saranno tutto. “Stanze tematiche”, curate da Luca Stoppini, ospiteranno diversi nomi importanti  per discutere i temi caldi del momento, come la sostenibilità, l’inclusione e la diversità. In più, il giornalista statunitense Alan Friedman gestirà la “stanza istituzionale”, dove si dialogherà con personalità di spicco del panorama industriale e politico.

Infine, la Digital Fashion Week ha come obbiettivo quello di valorizzare i talenti emergenti. La Camera della Moda ha messo in piedi l’International Hub Market, uno scouting di designer da tutto il mondo che rende ancora più globale lo spirito di Milano Digital Fashion Week.

Ovviamente i social network saranno ancora più centrali in questa settimana della moda, più di quanto non lo fossero già prima.

Non ci resta che attendere il 14 di luglio!

 

LEGGI ANCHE:

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Alessandro Dalai
Articoli dell'Autore / Alessandro Dalai

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>