Moda

Milano Moda Donna Prada autunno/inverno 2021-22

Milano Moda Donna, Miuccia Prada e Raf Simons: un dualismo che continua a funzionare anche per la Prada autunno/inverno 2021-22

La Milano Moda Donna con Prada entra nel vivo. Continuano gli show digitali in attesa di poter sfilare con il format tradizionale e che si possa, quindi, tornare ad esibire le proprie collezioni dinanzi ad un pubblico critico.

Raf Simons debutta a Milano qualche stagione fa. Nel settembre 2020, per l’esattezza.  Tra lo stilista belga e Miuccia c’è una grande sintonia, almeno sotto l’aspetto creativo. I due si supportano a vicenda. Non c’è un tratto stilistico che prevale sull’altro. C’è un’armonia contemporanea, composta da linee dritte, pulite. Forse fin troppo convenzionali. Ma funziona questo matrimonio lavorativo. Anche solo di facciata, ma funziona.

Lo stilista belga vanta un maestro di tutta eccezione, Walter Van Beirendonck, l’esteta a tutto colore che attraverso le sue stampe e i suoi intarsi racconta una moda multietnica e alla portata di tutti.

La faux fur di Prada

Con Miuccia, Raf Simons è pronto al suo riscatto personale visto le precedenti esperienze lavorative (in Dior e Calvin Klein) fallite miseramente. Un capitolo nero scritto per un happy end?

Milano Fashion Week 2021. Prada porta in passerella le tendenze moda 2021.

Una borghese istruita del 2021: questa è la donna Prada. Per nulla faziosa ma concreta. Accattivante ma poco incline a compiacere. Un’intellettuale che trasforma il suo guardaroba in capi basi, modulati e modulabili. D’impatto il nero e il giallo e ancora tessuti tecnici e il nylon: tutto compatibile con l’estetica ugly chic anni Novanta, di Miuccia. La pelliccia sintetica anche sulle classiche polo rosa, così infantili quanto emancipate. E ancora l’intarsio della lana e i pattern psichedelici. Insomma, una sfilata politically correct, proprio come Miuccia.

Se ho un merito – scrive  la storica giornalista di moda Mariella Milani nel suo Fashion Confidential, riportando una confidenza di Miuccia – è quello di aver introdotto la realtà nella moda cercando di lavorare sugli stereotipi di bellezza irreale“.

Leggi anche

Milano Moda Donna, il ritorno alla natura di Cucinelli 

N21, l’erotismo come risposta alla crisi

Fendi, autunno/inverno 2021-22

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *