MILANO FASHION WEEK, AGNONA NEL CALENDARIO

MILANO FASHION WEEK, AGNONA NEL CALENDARIO

Debutto per Agnona nel calendario della moda milanese

Un percorso lungo e non privo di ostacoli ma l’autenticità del proprio savoir-faire, prima o poi ripaga dalle fatiche. Agnona, dopo sessantacinque anni di storia, entra nel calendario ufficiale della moda di Milano.

Mame Moda Milano Fashion Week, Agnona nel calendario. Simon Holloway
Simon Holloway, direttore artistico della maison

La sfilata è attesa per il prossimo 22 settembre 2018 all’interno del museo del design della Triennale di Milano. Nessuno show evento, piuttosto un esordio intimo, quasi privato.

Dalle parole di Simon Holloway, direttore creativo della griffe dal 2015 – è succeduto a Stefano Pilati che ricoprì il medesimo ruolo dal 2012 al 2015 – trapela orgoglio misto a emozione.

Sono molto felice, Agnona è finalmente nel calendario che è qualcosa che merita il marchio. Milano è una famiglia incredibile di marchi diversi e eccitanti“, ha dichiarato a WWD.

La storia della griffe.

Il marchio prende il nome dalla città di Agnona, un piccolo borgo ai piedi del Monte Rosa.

Fu Francesco Ilorini Mo, nel 1953, a voler creare un’azienda riconoscibile nel pieno rispetto del made in Italy.

Con le sue risorse intraprese la sua avventura nei filati e nei tessuti. In un arco di tempo brevissimo, sette anni per l’esattezza, diventa fornitore di stoffe per marchi internazionali come Saint Laurent, Givenchy, Dior, Balmain, Balenciaga, Hermès, Courrèges e Cardin.

Gli anni Settanta segnano il debutto nel prêt-à-porter. La collezione è disegnata dal nobile della moda italiana, Walter Albini.

Negli Ottanta e Novanta l’azienda italiana migra in Australia per “portare” nel nostro Paese lana lussuosa. Nel 1994 inizia una lunga collaborazione con la peruviana Societad de Criadores de Vicuña al fine di garantire la conservazione della vigogna e ricevere garanzia sulla produzione e commercializzazione del prodotto.

Allo scadere degli anni ’90 – per l’esattezza nel 1999 – il marchio viene acquisito da Ermenegildo Zegna. La direzione creativa della griffe passa nelle mani di Stefano Pilati che debutta nel settembre del 2013 con la “AGNONA collezione ZERO”.

Con Alessandra Carra, amministratore delegato dal 2014, la maison approda sui mercati esteri.

L’esordio nel calendario della moda segna un nuovo e importantissimo traguardo per Agnona, da sempre marchio leader nella produzione di maglieria Made in Italy.

 

 

 

Agnona è tra le voci del Dizionario della Moda di MAM-e.it.

Vuoi conoscere la sua storia?

Agnona, quindi, ha scritto un capitolo del grande libro della moda, contribuendo attivamente al prestigio della haute couture durante la sua epoca d’oro. Tuttora, Agnona rappresenta il vertice del lusso e dell’artigianato fatto a mano italiano. Questa abilità sopraffina è parte integrale e intrinseca dell’azienda e del suo patrimonio.”

Ready more.

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri