MICHELE CLAPTON, LA DESIGNER DI GAME OF THRONES

MICHELE CLAPTON, LA DESIGNER DI GAME OF THRONES

Da Game of Thrones a Casanova: Michele Clapton, la costumer designer inglese che ha conquistato la cinematografia

Dietro i costumi della saga Game of Thrones si cela una costumer designer dalla vibrante creatività. Michele Clapton, dietro le quinte, confeziona costumi d’epoca da Oscar.

La sua passione per la moda arriva intorno ai sette anni quando inizia a confezionare turbanti e abiti da sera. Il tessuto era un semplice asciugamano che annodava per creare la silhouette delle sue creazioni.

Con il passare degli anni si avvicina maggiormente alla moda sfogliando alcune riviste patinate.

Grazie ad un consulente scolastico, la giovane studentessa inglese è indirizzata a studiare un corso biennale di Fashion Design e Garment Cutting ad Oxford.

Dopo questa importante esperienza, la prima sotto l’aspetto teorico e pratico del mestiere, segue un corso triennale al London College of Fashion sebbene, al termine del triennio, trova il percorso molto limitante.

Prima di diventare celebre con i suoi costumi, Michele Clapton lavora nel mercato d’antiquariato a Chelsea, all’ICA (Institute of Contemporary Arts) e diventa membro del movimento New Romantic.

La Clapton: da Casanova a Game of Thrones. I costumi

Questo slideshow richiede JavaScript.

In seguito, prima che le venisse offerto un impiego come costumista per Annie Lennox e George Michael, apre una bancherella nel mercato di Kensington e disegna alcuni abiti per un negozio di proprietà di Boy George.

Per lei progettare è uno stile di vita. E il suo stile confondile, quello punk, è la firma narrante di ogni suo progetto.

Sebbene la sua carriera abbia inizio ufficialmente nel 1989, raggiunge la notorietà solo nel 1992 e grazie alla pellicola “Dust Devil“, diretta da Richard Stanley.

La Capton, negli anni, firma i costumi di altrettanti celebri film come “Casanova“, “Love and Other Disasters“, “The Diary of Anna Frank” e i quattro capitoli di “Games of Thrones“.

Nel 2009 arriva il primo riconoscimento con il BFTA Winner 2009 per i costumi di Devil’s Whore. Nel 2011 riceve una nomination agli Emmy Awards per la prima stagione di Game of Thrones ma la vittoria giunge nel 2012 e nel 2014, sempre per gli Emmy Awards, come Best Costume Design per la medesima pellicola.

Durante la sua fortunata carriera, inoltre, riceve l’RTS Awards per Casanova e il Costume Designers Guild Awards nomination per la terza e la quarta stagione di Game of Thrones.

Leggi anche

Piero Tosi, il grande costumista italiano

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>