MFW: GUCCI CHIAMA MICHAEL CLARK COMPANY

MFW: GUCCI CHIAMA MICHAEL CLARK COMPANY

Gucci non dimentica Milano e prepara una grande performance

Quando la stampa diramò la notizia che Gucci non avrebbe sfilato a Milano, il prossimo settembre, tra gli insorti c’era chi credeva fosse una mossa per salutare definitivamente l’Italia.

Infatti, come avevamo reso noto in un precedente articolo, la maison fiorentina, oggi traghettata da Alessandro Michele, debutterà a Parigi con un mega show.

Gli indizi che hanno fatto credere a un saluto definitivo.

Mame moda MFW Gucci chiama Michael Clark company. Alessandro Michele
Ritratto di Alessandro Michele

Il successo della presentazione legata alla Cruise 2019 ad Arles e la successiva campagna pubblicitria pre-fall 2018 scattata a Parigi e lanciata sul web con l’hashtag #GucciDansLeRues, sarebbero gli indizi di questo “allontanamento volontario”.

Dopotutto, Gucci è il marchio che traghetta il gruppo francese del lusso Kering. Oggi, dunque, ci chiediamo: che  la griffe voglia prendere esempio da Valentino, migrando proprio a Parigi?

Per il momento pare che le cose non stiano affatto così e che l’intenzione del marchio sia di ritornare a Milano già a partire dal prossimo febbraio.

Come vi avevamo accennato ieri, nell’articolo che annunciava il calendario Milano Moda Donna settembre 2018, Gucci dimentica, solo parzialmente, la capitale della moda italiana.

Il 19 settembre 2018, infatti, l’azienda intratterrà i suoi ospiti con la Michael Clark Company e le sue live performances culturali.

Michael Clark, fondatore della compagnia, è stato definito un iconoclasta della danza. I suoi balletti sono la testimonianza di una creatività eclettica e laboriosa.

Le sue coreografie hanno la capacità di intersecare elementi desunti dalla tradizione punk a quelli di matrice dadaista, rock e pop.

Lo show sarà presentato nel lussuoso hub Gucci ricavato nell’ex fabbrica aeronautica Caproni, costruita nel 1915.

 

 

Gucci a Parigi.

Lo show è atteso il prossimo 24 settembre all’interno del luogo simbolo della vita notturna parigina: il Théâtre le Palace.

Quella della maison italiana sarà una presentazione co-ed.

 

 

 

La voce Gucci è nel Dizionario della Moda di MAM-e.it

 

Non ero interessato a diventare uno stilista. Dopo l’Accademia ho fatto di tutto. Mi piaceva il cinema. Sognavo di fare lo scenografo. Per necessità e per educazione famigliare, accettai tanti lavori per mantenermi. Ho fatto il giornalaio e il manovale. Ricordo che accettai anche di distruggere i muri degli appartamenti che sarebbero stati ristrutturati. Era terapeutico come una seduta psichiatrica. Poi iniziai a fare maglieria. Non ne sapevo molto, ma lavorando da Les Copains mi innamorai dell’industria.” Alessandro Michele.

 

 

 

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri