MASCHERINE CORONAVIRUS: DA GUCCI A PRADA, LA MODA SOLIDALE

MASCHERINE CORONAVIRUS: DA GUCCI A PRADA, LA MODA SOLIDALE

In piena emergenza Coronavirus, Gucci, Prada e il colosso LVMH avviano produzione di mascherine anti contagio

Non si ferma la macchina solidale per la produzione di mascherine per proteggersi dal contagio da Coronavirus. A scendere in campo, la moda, che riconverte le sue fabbriche per venire incontro alle esigenze di medici, infermieri e di chi, dallo scoppio della pandemia da Covid-19, è in prima linea per salvare quante più vite umane possibili.

Potrebbe interessarti anche: LVMH produce gel mani igienizzante per Covid-19

Dopo le importanti donazioni economiche da parte di politci nostrani, influencer e griffe importanti come Moncler (qui l’articolo), Maison bandiera del Made in Italy come Gucci e Prada hanno avviato la produzione di presidi di sicurezza per chi è impegnato sul fronte.

 

Le voci Gucci e Prada sono consultabili sulla nuova Enciclopedia della Moda online di MAM-e.it

 

Sì, perchè di guerra si tratta, visto i dati che ogni giorno ci fornisce la protezione civile che ci illustrano numeri da vera emergenza. L’Italia attende. “Uniti si può” è il motto degli ultimi giorni. E intanto, dopo l’Italia e l’Europa, anche l’America oggi è costretta a fare i conti con questo virus dalle caratteristiche sconosciute.

Gucci, oltre 1 milione di mascherine e 55 mila paia di tute mediche

Gucci, griffe che fa a capo di gruppo Kering, ha deciso di donare 1 milione di mascherine e 55 mila paia di tute mediche agli ospedali toscani e non solo. L’azienda ci tiene a precisare, però, che tale offerta sarà conclusa solo al termine del lascia passare delle autorità che dovranno stabilire se la produzione sia conforme agli standard di sicurezza.

Prada: produzione record di mascherine anti coronavirus e camici

Miuccia Prada e la sua azienda hanno avviato una produzione di mascherine e camici in tempi record nello stabilimento di Prada Montone (Perugia). Il marchio italiano, infatti donerà, da qui al prossimo 6 aprile 2020, 80.000 camici e 110.000 mascherine. Anche la griffe milanese accoglie la richiesta della regione Toscana.

 

 

 

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>