MARGIELA S/S 2020 IN UN DOPOGUERRA HARDCORE

MARGIELA S/S 2020 IN UN DOPOGUERRA HARDCORE

La collezione S/S 2020 di Maison Margiela scorre sulle note graffianti della voce remixata di Marlene Dietrich.

La CO-ed di Maison Margiela S/S 2020 per la PFW anche stavolta lascia gli spettatori a bocca aperta. In un mix complesso e di difficile interpretazione, il fashion show ci riporta indietro nel tempo con materiali hi-tech.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La seconda guerra mondiale sfila al Grand Palais di Parigi, reinterpretata con materiali tecnici e colori inusuali. John Galliano, Direttore Creativo della maison, fonde insieme ispirazioni e vocazione artistica che coglie da momenti diversi della storia dell’uomo.

La S/S 2020 di Maison Margiela mette in scena un revival hi-tech di crocerossine, suffragette, militari in divisa, collegiali americani e paramenti liturgici. Tutto questo in una giustapposizione di stili, messaggi subliminali, stoffe e periodi storici.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il mood che lega tutta la collezione è il gender fluid. L’uomo che veste Maison Margiela indossa ampi abiti, shorts aderenti e stivali dai tacchi alti.

I gilet in stile college si intravedono sotto ampie giacche gessate. Abiti di ispirazione clericale sono indossati su calzature sexy. Tanti i soprabiti forati, che perdono quindi la funzione originaria e assumono valore puramente estetico. I copricapo prendono spunto dal basco militare, dal cappello doughboy e da quello a bustina. Tutti rigorosamente army.

Ecco allora che John Galliano, istigatore per antonomasia, anche quest’anno, provoca e stupisce la Paris Fashion Week, tenendo fede alla definizione iconoclasta e avanguardista della maison.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Che noia la semplicità! Spesso sono proprio le cose di cattivo gusto le più divertenti.

– John Galliano

LEGGI LA STORIA DEL FONDATORE DELLA MAISON SUL DIZIONARIO DELLA MODA ONLINE DI MAM-E.IT

Martin Margiela è uno stilista belga. Studia all’Académie des Beaux Arts di Anversa. Allievo prima del corso di grafica, poi di quello dedicato alla moda, espone i suoi primi abiti in collettive con altri cinque diplomati dell’Accademia. Lavora a Milano all’inizio degli anni ’80, poi torna ad Anversa come stilista di alcuni grandi magazzini. È nell’84 che firma la sua prima collezione di moda pronta femminile. Nello stesso anno, diventa assistente di Gaultier col quale resta fino all’87. A Parigi, si associa a Jenny Maeirens e nell’ottobre ’89 lancia una sua collezione di prêt-à-porter. 

Continua…

LEGGI ANCHE

La Lanvin S/S 20 e un fumetto, a Parigi.

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Susanna Ferrari
Articoli dell'Autore / Susanna Ferrari

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>