LVMH Tiffany: “accordo non più realizzabile”

LVMH Tiffany: “accordo non più realizzabile”

Salta l’accordo tra LVMH e Tiffany: Arnault fa un passo indietro sull’acquisizione. Scontro sull’asse Stati Uniti/Francia

Nessuna colazione da Tiffany tra LVMH e l’azienda di alta gioielleria. Dopo l’accordo con il Milan, Arnault vede saltare anche un’altra importante acquisizione.

Lo zampino di Trump dietro il fallimento della trattativa

Mister Donald Trump è considerato, di fatti, l’autore (seppur inconsapevole) del mancato accordo tra il gruppo del lusso LVMH e Tiffany. Come si legge nella nota fatta diramare in data odierna, il gruppo fa sapere che considerato come stanno le cose allo stato attuale, l’accordo non è più realizzabile. Il concordato più oneroso della storia, 16,2 miliardi di dollari, salta a causa dei dazi imposti dall’attuale presidente degli Stati Uniti D’America, Donald Trump. A complicare le trattative, inoltre, la richiesta di prorogare il termine per completare l’accordo al 31 dicembre 2020 anziché al 24 novembre come previsto.

Pugno duro di Tiffany che cita LVMH dinanzi al tribunale del Delaware

Il tira e molla dei francesi non è piaciuto alla griffe d’alta gioielleria che ha affrontato la questione per via legali. L’accusa sostiene che il gruppo d’oltralpe non abbia rispettato gli obblighi contrattuali e che si sia “sfilato” dall’accordo con una manovra tattica . “In base all’accordo – si legge sul sito della griffe – LVMH si è assunto tutti i rischi di autorizzazione antitrust e tutti i rischi finanziari relative a tendenze o condizioni economiche avverse del settore“. Roger N. Farah. Tiffany, presidente del board di Tiffany, dettasi dispiaciuta per l’avvio del contenzioso, “è fiduciosa di aver ottemperato a tutti i suoi obblighi ai sensi dell’accordo di fusione e si impegna a completare la transazione nei termini concordati l’anno scorso. Tiffany si aspetta lo stesso da Lvmh“. Dall’America, insomma, è chiara l’intenzione di concludere la trattativa nel 2021.

 

Leggi anche

Tiffany lancia la prima collezione uomo

L’uragano Donald Trump contro la moda francese, dazi per il 25%

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>