,

Louis Vuitton: il gran finale della Paris Fashion Week 2020

Louis Vuitton: il gran finale della Paris Fashion Week 2020

Louis Vuitton: il gran finale della Paris Fashion Week 2020

Louis Vuitton ha presentato la nuova collezione donna primavera/estate 2021 alla Paris Fashion Week 2020. In quanto sono ancora in atto le misure anti Covid-19, la maison ha deciso di partecipare presentando la collezione in presenza al Samaritaine di Parigi e in streaming per chi non ha potuto partecipare. Lo streaming è andato in onda sui canali social e sul sito della Fédération de la Haute Couture et de la Mode, la camera della moda francese.

La sfilata, uno dei momenti più attesi, è da sempre il gran finale che si tiene nella giornata conclusiva del mese delle sfilate di moda. Per Nicolas Ghesquiere, lo stilista della casa di moda parigina, era di essenziale importanza fare una sfilata dal vivo, ecco quello che ha raccontato a Vogue Italia:

“Per me una sfilata dal vivo è assolutamente necessaria. Questo è il mio punto di vista, ovviamente, si tratta di moda, si tratta di mandare un messaggio importante per il futuro, ed è questo, anche, la moda: guardare avanti, è qualcosa che crea il desiderio. E poi per me la responsabilità di fare la sfilata è una cosa importante perché qui si tratta del lavoro degli artigiani, dell’atelier, delle persone che lavorano alla produzione. La parte economica, e la loro passione. Mi sento molto responsabile per questo adesso, a essere sinceri. La responsabilità di andare avanti”.

Qui la nostra voce del dizionario della moda su Nicholas Ghesquiere.

Louis Vuitton alla Paris Fashion Week 2020

Alla Paris Fashion Week 2020, Louis Vuitton ha presentato la nuova collezione donna primavera/estate 2021. Nicolas Ghesquiere, direttore creativo di Vuitton dal 2013, nella nuova collezione ha presentato design completamente nuovi e reinterpretazioni di modelli iconici. Fantasie molto colorate e vivaci, sempre ben abbinate alle scarpe e agli accessori. Lo stilista ha creato abiti ready-to-wear e si è focalizzato sulla moda genderless, creando abiti potenzialmente indossabili da persone di qualsiasi sesso.

louis vuitton paris fashion week
Uno dei look presentati oggi alla Paris Fashion Week.
louis vuitton paris fashion week
Uno dei tanti capi ready-to-wear presentati per la nuova collezione.
louis vuitton paris fashion week
Abbinamenti sempre azzeccati.

In occasione della sfilata Vuitton ha creato vari filtri Instagram che richiamano il tema della sfilata. I filtri si possono trovare sul profilo Instagram della maison (@louisvuitton).

https://www.instagram.com/p/CF7heWMlxMs/?utm_source=ig_web_button_share_sheet

La storia di Vuitton è consultabile sul dizionario della moda di MAM-e.it, un breve estratto

“Contemporaneo di Charles Frederick Worth, l’inventore dell’alta moda, Louis Vuitton inaugura, nel 1854, la sua prima valigeria a Parigi in rue Neuve-des-Capucines. Il negozio comincia presto ad attirare l’ammirazione della società alla moda, proponendo bauli leggerissimi in legno di pioppo e bagagli più in linea con i nuovi mezzi di trasporto. I suoi progetti sono ergonomici, realizzati per essere resistenti e leggeri. Con la perfezione del suo baule piatto decreta l’inizio della valigeria moderna. Nel 1859 apre ad Asnières un atelier che è anche abitazione familiare. Ancora oggi, Asnières è il simbolo del successo commerciale e personale della famiglia di Louis Vuitton.” Leggi di più

Leggi anche 

Givenchy, Paris Fashion Week: Debutto di Williams

Paris Fashion Week, Balenciaga presenta Sunglasses At Night

Chanel alla Paris Fashion Week: il tradizionale innovativo

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

0Shares
Beatrice Tornaghi
Articoli dell'Autore / Beatrice Tornaghi

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>