Louis Vuitton a Wuhan, la moda riparte dall’epicentro della pandemia

Louis Vuitton a Wuhan, la moda riparte dall’epicentro della pandemia

Parte da Wuhan la sfida di Louis Vuitton che debutta con una mostra itinerante proprio là, dove tutto ebbe inizio

La mostra di Louis Vuitton a Wuhan è il riflesso di una rinascita che decolla proprio lì, dove tutto ebbe inizio. Tempo sospeso.Il diffondersi di un virus sconosciuto. Gli allarmismi giustificati e i negazionisti che hanno, in qualche modo, contribuito alla diffusione del nemico numero uno dell’intero pianeta. Covid-19.

Mesi, fa, dieci per l’esattezza, il mondo intero guardava con sospetto la Cina dove partì il primo focolaio di Sars-Cov-2. Studi recenti, inoltre, affermano che il virus circolasse già a settembre 2019. Strano, dunque, che nella città dove regnava il caos assoluto i suoi abitanti abbiano potuto, nel giro di poco tempo, riappropriarsi delle proprie vite.

LV See, la mostra di Louis Vuitton a Wuhan

Potrebbe interessarti anche

Louis Vuitton: il grande finale della Paris Fashion Week 2020

Louis Vuitton Uomo fa il giro del mondo per la primavera/estate 2021 

Johnny Coca: il ritorno in Louis Vuitton

Virgil Abloh e Mercedes-Benz. Lo stilista firma la nuova classe G

Johnny Coca è la nuova voce dell’Enciclopedia della Moda di MAMe.it

Virgil Abloh è una nuova voce dell’Enciclopedia della Moda di MAMe.it

See LV racconta, a tappe, la storia di Vuitton: di un impero fortificato che con il suo potere ha raccontato l’evoluzione della moda da fine Ottocento ad oggi.

L’esposizione, organizzata nella città metropolitana del distretto di Hubei, racconta la storia di una società, quella borghese, dei suoi viaggi lungo vecchie locomotive a vapore e ancora sui transatlantici e poi aerei sino ai monopattini di ultima generazione, quelli che scorrazzano nelle nostre città, dal 2020.

La mostra di Louis Vuitton a Wuhan è ad ingresso libero

Questa è stata la strategia di Xi Jinping per far ripartire l’economia di Wuhan (e della Cina). Il presidente della Repubblica popolare cinese, infatti, oltre ad aver annunciato la riduzione dei dazi e gli accordi di libero scambio, ha reso tutte le attrazioni turistiche della città, gratuite. Accessibili, insomma, a tutti. Anche la mostra LV See, aperta sino al 6 dicembre 2020, lo è.

Ottima, dunque, la strategia di Louis Vuitton che affida al mercato cinese, in netta risalita rispetto a quello europeo e americano, il successo di LV See e non solo. Il lusso, oggi, cresce sotto l’ombra del Dragone.

Un estratto della storia LV sulla nostra Enciclopedia della Moda di MAM-e.it

Nel 1835, Louis Vuitton (1821-1892), all’età di quattordici anni, lascia Anchay, il suo paese natale sulle montagne della Jura, nella Francia orientale. Intraprende un lungo viaggio a piedi, giungendo a Parigi due anni dopo. per Parigi e, nella capitale francese, si specializzò nel preparare le valigie della ricca società. Al suo arrivo viene assunto come apprendista imballatore da Romain Maréchal, il cui lavoro si basava sulla produzione di scatole e casse utilizzate per imballare oggetti di uso quotidiano e grandi armadi. Continua a leggere

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>