LA GUCCI SS20 E LA SUA “MICROFISICA DEI POTERI”

LA GUCCI SS20 E LA SUA “MICROFISICA DEI POTERI”

La collezione Gucci spring/summer 2020 è davvero in grado di combattere l’omologazione?

Alessandro Michele guarda oltre la moda e, con la Gucci primavera/estate 2020 discute, a voce alta, di individualità.

Ogni singolo individuo, infatti, è oggetto di protagonismo all’interno del défilé che mette in discussione la “microfisica dei poteri“.

Paul-Michel Foucault, filosofo, sociologo e saggista francese approfondisce il tema della “cura di sé”, già ampiamente discusso in età ellenistica da Epicuro, Seneca, Gaio Musonio Rufo e Galeno. Foucault dà l’incipit alla sfilata.

Forse oggi l’obiettivo principale non è di scoprire che cosa siamo, ma piuttosto di rifiutare quello che siamo. Dobbiamo immaginare e costruire ciò che potremmo diventare“. Foucault.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La biopolitica dei corpi, per l’intelletuale francese, è un trattato, uno studio tristemente reale. Solo ad alcuni è riservato il pieno controllo della propria esistenza; gli altri sono solo marionette nelle mani di un sistema di “regime”.

Per questo occorre favorire nuove forme di soggettivazione.

Alla moda spetta intravedere campi di possibilità, dare spunti per nuove ed inedite aperture per alimentare la propria autodeterminazione.

La collezione Gucci primavera/estate 2020

La collezione firmata da Alessandro Michele debutta con un look che induce a comprendere la “materia” del progetto. Una camicia di forza, la stessa che viene data in dotazione agli ospedali psichiatrici, ci dà riferimenti al mood elaborato da Michele. Bianca come la purezza, stringata per opprimere la diversità. Capi dimostrativi che, in realtà, non saranno mai venduti.

La camicia di forza

Una sala d’aspetto, ancora una volta, accoglie gli invitati alla presentazione. Una cornice asettica dove le modelle sono chiamate a calcare la passerella su nastro trasportatore.

Ogni look appare in discontinuità con l’altro: abiti lingerie anni ’20, tailleur da gangster americano anni, vestiti dal taglio rinascimentale.

Una collezione disomogenea che individua diversi atteggiamenti, differenti personalità.

Per espressione di Alessandro, la bellezza è nell’espressione dell’identità.

Leggi anche

La Agnona SS20 nei colori di tutte le stagioni

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>